Roma-scudetto, racconta il tuo 17 giugno 2001

Undici anni fa la squadra giallorossa conquistava il suo terzo titolo nazionale. Scrivici come hai vissuto quella giornata

domenica 17 giugno 2012

ROMA - Sono passati undici anni. Ma per la maggior parte dei tifosi della Roma è come se fosse ieri. 17 giugno del 2001: i giallorossi, battendo il Parma 3-1, si assicurano lo scudetto (il terzo). Ad andare a segno Totti, Montella e Batistuta: tre simboli della squadra allenata da Fabio Capello. L'Olimpico strapieno, i gol, l'invasione finale, i caroselli per le strade della città: scriveteci quali sono state le vostre emozioni, con chi avete condiviso quella gioia, come avete festeggiato. Insomma, raccontateci come avete vissuto quella giornata storica. Potete usare lo spazio dei commenti qui in basso oppure la nostra pagina Facebook. Votate anche il nostro sondaggio. Totti, Batistuta, Montella, Capello: chi è stato più decisivo?

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

59 commenti

  1. nenone68
    nenone68alle 16:04 del 19/06/2012

    caro corriere dello sport, il mio 17 giugno 2001 vale la pena di essere raccontato.quel giorno lo ricordo molto bene, e come potrei dimenticarlo ero rinchiuso in una cella della casa circondariale di velletri da una settimana(sono stato arrestato l'11 giugno del 2011)essendo incappato in una disavventura giudiziaria perche di questo si tratta ed infatti sono stato poi assolto dopo un anno di custodia cautelare.comunque come vi dicevo ero rinchiuso in una cella,io quell'anno come pure gli anni precedenti ero abbonato alla tevere laterale ed avevo visto tutte le partite in casa bene quella domenica avevo la tessera in un casseto di casa mia ed io ero rinchiuso in una cella, potete immaginare come mi sentissi, al fischio di inizio mi sembrava di impazzire,io questa cosa dopo 11 anni non l'ho ancora metabolizzata e credo che non la metabolizzero mai.inoltre non potro mai perdonare gli organi giudiziari non tanto per avermi fatto passare un anno di inferno quanto x avermi tolto la gioia di roma parma e dei festeggiamenti susseguenti!

  2. Fabrizio Tricarico
    Fabrizio Tricaricoalle 14:46 del 19/06/2012

    17 GIUGNO 2001, ROMA CAMPIONE D'ITALIA PER LA TERZA VOLTA. UNA GIOIA INDESCRIVIBILE. SPERO CHE QUEST'ANNO SIA L'ANNO DEL 4° SCUDETTO, MAGARI IL 17 GIUGNO. FORZA ROMA!!!!!

  3. sudsud
    sudsudalle 11:47 del 18/06/2012

    si si parlamo de scudo!! son passati 11 anni. 11 ANNI. AMERICANI SVEGLIAAAAAAAAAAA. che famo un'altra festa per lo scudetto de bruno conti e falçao? vedete de non vende fumo e de compra campioni!!!

  4. Alex Falvo
    Alex Falvoalle 08:59 del 18/06/2012

    Una giornata memorabile!! poi partimmo per la festa del circo massimo e fù emozione...

  5. Paolo De Dominicis
    Paolo De Dominicisalle 07:40 del 18/06/2012

    Era l'anno della grande truffa? Era l'anno del regolamento sugli stranieri modificato il giorno prima di Juventus- Roma? Ho l'impressione che era proprio quell'anno! Forse i tifosi non lo ricordano!

  6. nic.manofredda
    nic.manofreddaalle 07:56 del 18/06/2012

    stai zito che ti conviene avete rubato per un secolo e ancora parlate di onesta poi stranieri voi non ne avevate?

  7. Iceman87ita
    Iceman87itaalle 09:17 del 18/06/2012

    il cambio di regolamenti di certo non lo fa un presidente solo, credo che la regola che tu citi era già in programma, infatti negli anni successivi mi sembra che il milan e l'inter e la stessa juve abbiano messo molti più stranieri in campo. La roma è stata la prima a sfruttarla e questo vi da fastidio. ti faccio una domanda e se nakata non segnava e segnava un'altro qualsiasi a che cosa ti attaccavi?

  8. UltrasLazio
    UltrasLazio tramite iPhone ®alle 02:29 del 18/06/2012

    Voi 1927... Benvenuti nella Capitale!

  9. UMBERTO BERO
    UMBERTO BERO tramite iPhone ®alle 23:09 del 17/06/2012

    Avevo 14 anni ero allo stadio con mio frat maggiore e mio padre...! Eravamo alla Tevere e speravamo facessero il giro di campo al termine della gara.. Ma la troppa frenesia dei tifosi non lo permise.. Fecero gli ultras il giro tirando le zolle di prato come souvenir di un viaggio indimenticabile!

    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv