Rising Stars Challenge, l'MVP è Irving

Nel primo appuntamento del weekend di Orlando, la squadra di Charles Barkley ha superato quella di Shaquille O'Neal

sabato 25 febbraio 2012

ROMA, 25 febbraio – Il palcoscenico della prima serata dell'All-Star Weekend di Orlando è tutto di Kyrie Irving, che segna 34 punti sbagliando un solo tiro su 13, distribuisce 9 assist e viene eletto MVP indiscusso della partita tra stelle emergenti. Alla fine si è imposta la squadra di Charles Barkley su quella allenata da Shaquille O’Neal 146-133. A dare una scossa alla partita ci ha pensato anche John Wall (17 punti, 8 assist e 6 rimbalzi). Il Team Shaq si è divertito con le evoluzioni di Ricky Rubio (12 punti, 7 assist), ma è stato tradito dai due giocatori più attesi: Blake Griffin si concede una decina di minuti per risparmiarsi in vista di domenica mentre mentre Jeremy Lin, inserito nel roster in extremis, è sembrato un pesce fuor d’acqua (2 punti in meno di 9'). Il Team Shaq ha sofferto la stazza del quintettone del Team Chuck (Turner, George, Williams e Cousins): la differenza di una partita dallo scarso contenuto agonistico l’hanno fatta Wall e Hayward uscendo dalla panchina. Nel finale, dove si vede persino qualche segnale di difesa, il Team Chuck riprende il largo, con l'asse Irving-Wall a chiudere dei giochi (palla alzata del primo per la schiacciata all'indietro del secondo). Gli ultimi 2 minuti fanno da anticipo alla gara di schiacciate di sabato: con George e Wall sugli scudi.

TEAM SHAQ-TEAM CHUCK 133-146 (65-77)

Team Shaq: Knight 14, Griffin 10, Monroe 19, Lin 2, Rubio 12; Cole 18, Morris 12, Thompson 20, Fields 16, Walker 10. Team Chuck: George 23, Williams 2, Cousins 18, Turner 16, Irving 34; Wall 17, Hayward 14, Favors 14, Brooks 8.

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

Adv