Deng spegne i Raptors, Bargnani sbaglia troppo

Il centro di Toronto chiude con 4/18 dal campo e una serie di errori nel finale, Chicago si salva nel supplementare. Cadono anche gli Hornets, bene i Knicks

domenica 25 marzo 2012

ROMA, 25 marzo – Non basta un'ottima prova dei Raptors per far male ai Bulls. Chicago ottiene la quarta vittoria consecutiva, la numero 40 complessiva, sconfiggendo Toronto all'overtime 102-101. Nel quarto periodo gli ospiti riescono ad avere nel finale un margine di 4 punti di vantaggio a 2'30 dalla fine. Non bastano ovviamente, perché in un minuto la situazione si ribalta e i Bulls passano da 86-90 a 93-92. Toronto si riporta avanti con la schiacciata di Amir Johnson (93-94), poi C.J.Watson ha la possibilità con due liberi di chiudere la partita. Ne sbaglia uno, a 30" è 94-94. I Raptors hanno l'ultima azione d'attacco ma non riescono a concretizzarla con Bargnani ed è overtime. Alla fine la spunta la squadra di casa con il tiro da due di Luol Deng sulla sirena che vale il definitivo sorpasso. Ottime la prove di Deng e Boozer, entrambi in doppia doppia (23+10 per il primo, 24+10 per il secondo), mentre per Andrea Bargnani a referto ci sono 17 punti in 36 minuti ma 4/18 dal campo e un paio di errori sanguinosi nel finale (Calderon e James Johnson 20).

HORNETS KO - Cade anche Marco Belinelli, che perde in casa contro gli Spurs 86-89. Per l’azzurro non è una certo una serata indimenticabile: 37 minuti e 10 punti al termine di una partita che ha visto ancora una volta Jarrett Jack come grande protagonista (27 punti). Grande equilibrio per tutto il match: a 4' dalla fine San Antonio è a +5 (78-83), ma i padroni di casa si portano avanti 84-83 grazie al tiro di Belinelli, che ribadisce a 1'32" per l'86-85. Poco dopo, però, c'è il definitivo sorpasso: Duncan e poi Green mettono in cassaforte il risultato: sulla sirena l'azzurro ha tra le mani il tiro da 3 della disperazione, ma non va.

BRAVI KNICKS - La sconfitta di Milwaukee dà una mano a New York, che batte Detroit e rimane in piena corsa per i playoffI Knicks vincono in maniera convincente anche se Melo Anthony conferma ancora una volta le sue difficoltà. L'ex Denver mette 15 punti, meglio di lui fanno Tyson Chandler (15 punti, 17 rimbalzi) e Amare Stoudemire (17 punti. 8 rimbalzi). Nuova prestazione sottotono per Jeremy Lin, che chiude a quota 13; tra i Pistons invece combatte quasi da solo Ben Gordon (20). La gara resta aperta fino a 5 minuti dalla fine del secondo quarto, poi New York prende il volo e non si fa più riprendere. Vittoria all'overtime per Dallas, che contro Houston chiude 101-99 e ha in Dirk Nowitzki il suo trascinatore (31 punti). Tornano a vincere i Clippers, che si impongono su Memphis (terza sconfitta consecutiva) 101-85; il momento no dei Grizzlies è condiviso da Charlotte, che perde contro New Jersey 102-89. Atlanta sconfigge Washington 95-92, vittorie anche per Indiana (125-104 sui Bucks Milwaukee) e Golden State, che si impone per 111-108 su Sacramento.

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

in edicola
Vai alla prima pagina

Adv