Catanzaro, Tnas accoglie ricorso: ok a Lega Pro

Il Tribunale nazionale arbitrale per lo sport, ha accolto l'istanza presentata dalla società Catanzaro Calcio 2011 contro il provvedimento della Federcalcio che aveva negato l'attribuzione del titolo sportivo della fallita Fc Catanzaro alla nuova società

    CATANZARO, 27 luglio - Il Tnas, Tribunale nazionale arbitrale per lo sport, ha accolto l'istanza presentata dalla società Catanzaro Calcio 2011 contro il provvedimento della Federcalcio che aveva negato l'attribuzione del titolo sportivo della fallita Fc Catanzaro alla nuova società. Lo rende noto, in un comunicato, il Catanzaro Calcio. In base alla decisione del Tnas, il Catanzaro potrà disputare il prossimo campionato di seconda divisione Lega Pro, serie che occupava anche nella passata stagione.

    Il Collegio arbitrale, composto dal presidente Ferruccio Auletta, da Tommaso Edoardo Frosini e da Luigi Fumagalli, è scritto nella nota, ha deliberato all'unanimità di dichiarare "il diritto della società all'attribuzione del titolo sportivo". "Sono sempre stato fiducioso - ha detto il presidente del Catanzaro Giuseppe Cosentino - rispetto alla possibilità di mantenere la società tra i professionisti. L'accoglimento del nostro ricorso, ottenuto anche grazie all'attività faticosa, ma soddisfacente dei nostri consulenti, Maurizio De Filippo e Ulisse Corea, dimostra la buona fede e la correttezza dell'operato della nuova società. I nostri grandi sforzi sono stati premiati. Non abbiamo mai smesso di dedicarci con fiducia e determinazione al nostro programma di rinascita del Catanzaro Calcio, lavorando per costruire una società sana, solida e bene organizzata, e un progetto sportivo, affidato alla guida di Francesco Cozza, capace di raggiungere traguardi ambiziosi e finalmente all'altezza delle tradizioni calcistiche della città e dei sogni della tifoseria".

    Scrivi un commento
    Per poter inserire un commento/articolo devi eseguire il login


     


     
    Se non sei ancora registrato clicca quì: REGISTRATI
     
    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv