Inter, Ibarbo-Nainggolan. Ma sul belga scatta l'asta

Nel mirino l’esterno che ha messo in crisi Juan Jesus. Al Cagliari potrebbero andare in cambio alcuni giovani. In difesa piace Dragovic del Basilea. Molti nerazzurri all’addio

sabato 20 aprile 2013

MILANO - Spunta anche Ibarbo tra gli obiettivi dell'Inter. Anzi, il piano sarebbe quello di mettere assieme un'accoppiata con un altro cagliaritano, ovvero, Nainggolan e farli traslocare entrambi alla Pinetina. Il centrocampista belga non è una novità, ma su di lui la concorrenza è decisamente ampia e autorevole, con il Napoli da considerare al momento come il rivale più accreditato. In corso Vittorio Emanuele, però, pensano di avere le carte giuste, ovvero le contropartite tecniche, per convincere il Cagliari. Tornando a Ibarbo, l'idea ha preso concretezza dopo il match con il Cagliari della scorsa domenica. Con la sua velocità, il colombiano ha messo in crisi l'intera retroguardia nerazzurra, compreso Juan Jesus che ha doti di sprinter fuori dal comune. E visto che il progetto della nuova Inter prevede l'innesto di un paio di esterni offensivi, Ibarbo ha le caratteristiche giuste per andare a coprire quel settore. Il suo nome, a questo punto, va ad aggiungersi a quelli di Sanchez - il preferito ma l'operazione oltre che onerosa è comunque complicata, anche perché c'è da battere la Juventus -, Aubameyang, Lennon e pure Diamanti. Il vantaggio di mettere in piedi un'operazione con il Cagliari è che sono percorribili formule differenti, compresa la comproprietà, non consentita con i club esteri. Per quanto riguarda le pedine da inserire nell'affare, alla squadra rossoblù potrebbero interessare ad esempio Biraghi, al momento in prestito al Cittadella, che si sta imponendo come uno dei migliori terzini sinistri della serie B e che è tra le prime scelte del ct Mangia per l'Under 21, oppure Bessa, poco impiegato nel Vicenza, ma dalle doti tecniche indiscutibili.

SEPARAZIONI IMMEDIATE - Il rinnovato attivismo dell'Inter, nonostante i 5 colpi già messi a segno - a proposito, Botta ha incantato e firmato un doppietta nel 5-3 del Tigre sul Libertad in Coppa Libertadores -, conferma che, il prossimo anno, i volti nuovi alla Pinetina saranno certamente numerosi. E, come diretta conseguenza, saranno parecchi anche i giocatori che dovranno svuotare i propri armadietti. Quelli certi della conferma, insomma, sono una minoranza se confrontati al gruppo che mette insieme coloro per cui l'addio è già certo e coloro per il futuro resta in bilico. La partenze eccellenti non mancheranno. A cominciare da quella di Cassano. Al di là dello strappo con Stramaccioni, infatti, anche Moratti ha compreso che è stato commesso un errore la scorsa estate pensando di riuscire a gestirlo. Il problema semmai è trovargli una sistemazione, tenuto conto del contratto in scadenza nel 2014 che sfiora i 3 milioni di euro. L'opzione della rescissione non sembra percorribile. E allora in questi giorni il suo procuratore, ovvero l'avvocato Bozzo, starebbe verificando alcune offerte tra Qatar ed Emirati Arabi. E' stata messa da parte, almeno per il momento, la proposta del Fenerbahce. Se le sorti dei vari Silvestre (l'idea è inserirlo nelle contropartite da girare alla Sampdoria nell'operazione- Icardi), Jonathan e Rocchi sono segnate da tempo, è da ritenere agli sgoccioli anche l'avventura nerazzurra di Schelotto. Del resto, il gol nel derby è rimasto un exploit isolato, in mezzo a una serie di prestazioni inconsistenti, con l'ulteriore macchia della rissa con l'Atalanta. Ma l'errore (c'è chi dentro la squadra aveva dato garanzie...) a gennaio è stato doppio, visto che per l'esterno italo-argentino è stato sacrificato Livaja.

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Spor-Stadio

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

Commenti

    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv