Milan choc: via Pato, Boateng e Robinho

Via Pato, Boateng e Robinho. Il club rossonero dalle tre cessioni conta di incassare 50 milioni

venerdì 26 ottobre 2012

MILANO - Anno nuovo, Milan nuovo. E’ previsto per il prossimo gennaio un robusto maquillage della squadra rossonera. Per fare «cassa» e, quindi, finanziare la nuova campagna-acquisti potrebbero essere ceduti alcuni pezzi più o meno pregiati dell’organico rossonero: Boateng ha richieste da parte del Bayern Monaco; Abramovich si è rifatto vivo per Pato; Robinho è il sogno ormai non più tanto segreto del Santos. Queste cessioni potrebbero far ricavare al Milan una cinquantina di milioni di euro più un’altra cifra decisamente consistente (altri 30 milioni) di ingaggi risparmiati.

BOATENG - Il ghanese è ormai diventato un vero e proprio «caso» in casa rossonera. La tribuna di mercoledì sera a Malaga deve essere considerata come una soluzione punitiva, perché maturata soprattutto per questioni disciplinari. Indicato dagli ultras della Curva Sud come il milanista meno sensibile in questo momento così difficile della squadra, il Boa ha manifestato fin dall’inizio di questa stagione un grande nervosismo a causa del mancato rinnovo del suo contratto. Il ghanese aveva chiesto addirittura il raddoppio (da 2 a 4 milioni di euro) del suo attuale stipendio annuale. Il Bayern sarebbe disposto a trattarlo fin da gennaio.

PATO E ROBINHO - La premiata ditta del gol brasiliana sta continuando a fare... cilecca. Il «papero» anche a Malaga si è visto poco e male. Binho si è nuovamente (il 16 ottobre) infortunato alla coscia destra e, comunque, in questa stagione è partito male, sicuramente attratto dalle continue «sirene» del Santos che lo vorrebbe riportare in Brasile. Da Londra si scrive e si dice che Abramovich sia disposto a scommettere sulla resurrezione di Pato versando 30 milioni al Milan.

Leggi l'articolo completo nell'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

Furio Fedele
Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

79 commenti

  1. sal
    sal tramite iPhone ®alle 20:48 del 28/10/2012

    Wamos juvetus

  2. Corrado Gadaleta Filmmaker
    Corrado Gadaleta Filmmakeralle 23:47 del 26/10/2012

    Serie B quasi garantito.

  3. Petaccia Giuliano
    Petaccia Giulianoalle 19:11 del 26/10/2012

    La società non deve ingannare i tifosi, in quanto alla fine sono l'unico patrimonio del Milan se il Cavaliere vuole mollare la Società lo faccia al più presto, in quattro mesi ha infangato 25 anni di storia

  4. antonio2oo6
    antonio2oo6alle 15:00 del 26/10/2012

    Voglio prendere ancóra con le molle questa notizia, ma è allucinante. Come si può liquidare così il Milan, una squadra che appartiene al patrimonio calcistico italiano? Da tifoso laziale dico che mi fa molta tristezza, spero che si cambi rotta perché il Milan ha dato molto lustro al nostro calcio e non merita di fare questa fine. Sarebbe assurdo criticare la dirigenza visto quel che ha fatto per il Milan nel passato, ma se ha così tante difficoltà sarebbe anche opportuno che vendesse la società a qualcuno che la valorizzi di nuovo: non può finire a questo modo.

  5. Andrea Angiolucci
    Andrea Angioluccialle 14:55 del 26/10/2012

    Se è davvero cosi,significa che berlusconi sta vendendo il Milan ma io credo solo alla vendita di Robinho al Santos ! Poi di certo questi sarebbero venduti a l'estero e non in Italia....

  6. fabri87juve
    fabri87juvealle 14:41 del 26/10/2012

    si avvicina la serie b

  7. madman83
    madman83alle 15:34 del 26/10/2012

    almeno retrocederemo in serie B per demeriti e non per aver truccato qualche campionato

  8. mattizio
    mattizioalle 14:29 del 26/10/2012

    Non capisco il Milanista che si lamenta di Berlusconi...parliamo del presidente di calcio....è il più grande della storia ha preso il Milan in tribunale e l'ha trasformato nella squadra più titolata del mondo degli ultimi anni!!! e ve lo dice un romanista!

  9. kokkodrillo
    kokkodrilloalle 15:16 del 26/10/2012

    tutti sanno che nel calcio quello che hai fatto ieri domani non conta... i problemi economici del milan sono frutto dei capricci di berlusconi che ha preso campioni alla frutta garantedogli stipendi faraonici! la storia della squadra piu titolata al mondo la puo raccontare ai nipotini non hai tifosi che per anni hanno sostenuto la squadra pagando abbonamenti e seguendo la squadra in tutta europa! non puoi prima buttare soldi dalla finestra e poi dare la colpa alla crisi...

    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv