Gattuso: «Milan giovane? Se non ci sono i soldi...»

L'ex centrocampista rossonero: «La cantera non si fa in un giorno, ci vuola pazienza. La sfida in Champions con il Barça? C'è tanta differenza ma il calcio è strano e può succedere di tutto...»

lunedì 18 febbraio 2013

ROMA - «Milan-Barça? La squadra blaugrana è fortissima ma il calcio è strano e può succedere di tutto...». Gennaro Gattuso commenta così la prossima sfida di Champions League tra la squadra di Allegri e quella di Vilanova. L'ex centrocampista rossonero, ora al Sion, spiega le differenze tra i due club: «Il Barcellona - le sue parole al 'Mundo Deportivo' - è la squadra più forte del mondo, la squadra da battere. Ha completato una profonda trasformazione e ora tutti vogliono copiare il suo calcio. Progetto giovani al Milan? Quando non ci sono soldi è l'unico percorso da seguire... Ma la cantera non si forma in un giorno. Ci vuole tempo e pazienza. Mi ricordo che nel 2000, quando abbiamo vinto al Camp Nou con i gol di Coco e Bierhoff, il pubblico si lamentava del Barça che non era competitivo: ora la musica è cambiata. Anche il Milan dopo 25 anni di successi, dovrà aspettare due o tre annate per tornare al top». Pronostico sul passaggio del turno? Gattuso non dà il Milan per spacciato: «In teoria - spiega 'Ringhio' - il Barcellona è molto più forte però nel calcio non si sa mai. Il calcio non è una logica scritta, il calcio si gioca quindi non si può mai dire...».

BANDIERE PERDUTE - Gattuso, dopo 13 anni al Milan, è andato al Sion a caccia di nuovi stimoli. Insieme a lui, al termine della scorsa stagione, hanno lasciato il Milan altri giocatori illustri che hanno fatto la storia della società rossonera come Nesta, Seedorf, Zambrotta e Inzaghi. Il centrocampista spiega l'importana delle bandiere nel calcio, bandiere che il Milan non sembra avere più: «La forza del Barça sono giocatori come Xavi, Iniesta e Puyol come una volta il Milan aveva Maldini e Costacurta. Delle bandiere, riferimenti fondamentali che ormai mancano a Milano. Puyol? So che il suo desiderio era giocare nel Milan, ne abbiamo sempre parlato in passato...»

FUTURO TECNICO - Nel futuro di Gattuso ci potrebbe essere la carriera da allenatore. L'ex rossonero, infatti, rivela: «Voglio giocare un altro anno e poi provare ad allenare. Alla mia squadra darò sicuramente grande carattere. Guardiola? Grandissimo allenatore, per il calcio è stato un emblema. Abbiamo bisogno di allenatori come lui, ma il suo arrivo al Milan era impossibile. Apprezzo molto - conclude Gattuso - anche Luis Enrique perché si tratta di un grande uomo: discreto, disciplinato e con buone idee. E' una persona con dei valori. L'ho seguito molto da vicino quando allenava la Roma e il suo è stato un ottimo lavoro perché quella giallorossa è una piazza difficile».

Tommaso Maggi
twitter@t_maggi

Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

5 commenti

  1. picalui
    picaluialle 18:27 del 24/02/2013

    oggi il suo sion ne ha beccati 4 dal thun...........

  2. tappeiner
    tappeineralle 16:58 del 18/02/2013

    I soldi per Balotelli si sono trovati:ma i giovani non portano voti......

  3. PrEsCriTTeSe
    PrEsCriTTeSealle 13:39 del 18/02/2013

    Gattù i soldi ci sono,eccome se ci sono...E' il nano che non li vuole uscire.

  4. Miners82
    Miners82alle 13:23 del 18/02/2013

    Sei libero per mercoledì ringhio????

  5. funkygee
    funkygeealle 16:16 del 18/02/2013

    Credimi e meglio se non gioca Gattuso (con tutto il rispetto per Genaro!)

    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv