Mandorlini scortato e il silenzio di Zeman

Imboccato il vialone della volata finale, il campionato di serie Bwin continua a offrire spunti interessanti e storie da raccontare. Con il Toro che prende il largo ma sempre in attesa di una sentenza definitiva sul caso Euganeo, la notizia, intanto, è che il mondo s’è capovolto per merito di due squadre da tempo condannate alla retrocessione e invece vivissime e ancora in grado di salvarsi

domenica 25 marzo 2012

ROMA - Imboccato il vialone della volata finale, il campionato di serie Bwin continua a offrire spunti interessanti e storie da raccontare. Con il Toro che prende il largo ma sempre in attesa di una sentenza definitiva sul caso Euganeo, la notizia, intanto, è che il mondo s’è capovolto per merito di due squadre da tempo condannate alla retrocessione e invece vivissime e ancora in grado di salvarsi. Ascoli e Nocerina fanno, dunque, saltare gli steccati della classifica, battendo rispettivamente il Pescara di Zeman e il Verona di Mandorlini, scortato in panchina e riottoso dinanzi all’ironia di un bambino nocerino che gli consegnava una maglietta con su scritto: “Benvenuto al Sud”. Dono rispedito subito al mittente dall’ex interista, evidentemente, a corto di pazienza e memore delle polemiche (e della squalifica) per la finale dei play off con la Salernitana dello scorso campionato di Prima Divisione.

I FUORIGIOCO DEL PESCARA - Zdenek si appella alle regole e minaccia di non parlare più se le stesse non saranno rispettate. Il boemo perde la calma per quel fuorigioco di Soncin non fischiato che consente all’Ascoli di andare in gol, ma la prestazione del Pescara è lontanissima da quelle a cui l’allenatore biacazzurro ci aveva abituati per spettacolarità e intensità. D’altra parte, senza Immobile e Verratti, gli interpreti cambiano e la qualità scema. Se poi aggiungiamo che Silva deve salvarsi, è normale che i conti di Zdenek non tornino più.

QUESTIONE ARBITRALE - Ciò non toglie, tuttavia, che una questione arbitrale va posta al centro delle attenzioni in questo finale di stagione. Rovinare un campionato così bello per delle decisioni poco imparziali sarebbe un errore imperdonabile. Di errori parla anche Mandorlini nello spigoloso incrocio con la Nocerina. Un rigore contestato non toglie, tuttavia, spessore al successo di Auteri che rilancia le proprie quotazioni salvezza a prescindere dal rigore trasformato dal solito Merino che sigilla il match scortato del San Francesco e fa urlare i veneti. In verità la Nocerina, come l’Ascoli al Del Duca, hanno meritato di vincere. E questo dovrebbe far riflettere.

REGGINA, COSÌ NO - Ancora una Reggina non all’altezza dei play off a Varese, nello scontro diretto che avrebbe potuto rilanciare le quotazioni dei calabresi. Gregucci, senza molti titolari e con Bonazzoli a mezzo servizio, cade ancora e fallisce il primo obiettivo per sognare i play off: dare continuità al successo sul Livorno. Il tempo per recuperare c’è, ma a dieci giornate dal termine il gioco si è fatto davvero duro e sbagliare il prossimo incrocio con il Brescia di Calori potrebbe essere davvero fatale.

TORRENTE SCONSOLATO - Fatale, molto probabilmente, potrebbe rivelarsi l’ennesimo pari interno fatto registrare dal Bari di Torrente contro la spigolosa Juve Stabia di Braglia. Ma senza attaccanti è difficile pretendere di più dai pugliesi che vedono crescere i rimpianti mano mano che ci si allontana dalla metà.

IACHINI E CALORI - Chi corre veloce verso il traguardo è invece la Samp di Iachini implacabile a Cittadella e il Brescia miracoloso di Calori. Dopo aver spaventato Zeman all’Adriatico nel posticipo della 10ª di ritorno, il tecnico aretino piega un Grosseto letteralmente indomito e sfortunato. Un palo dice no ad Olivi al terzo minuto di recupero e Ugolotti deve ancora rassegnarsi al peggio.

CROTONE DA SALVEZZA - Chi va oltre è certamente il Crotone di Drago che coglie la prima vittoria del dopo Menichini e si avvicina alla salvezza. Con un Gabionetta (splendida doppietta) tornato ai tempi di Lerda e un Calil ancora implacabile, missione tutt’altro che impossibile. La sconfitta allo Scida potrebbe di nuovo far tornare sui propri passi il club bergamasco che si accingerebbe a richiamare Daniele Fortunato. Magari con Emiliano Mondonico nel ruolo di supervisore, un ticket capovolto rispetto a un anno fa ma che assicurò la salvezza. Questa volta basterà? Basta di certo a Livorno e Modena spartirsi la posta in palio in parti eque, anche se i tre punti non si dividono per due. Bergodi agguanta l’amico Madonna a tempo scaduto dopo qualche svarione arbitrale e un gol annullato a Dionisi, anche qui, piuttosto evidente.

Tullio Calzone
Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

36 commenti

  1. guerrierosannita
    guerrierosannitaalle 11:06 del 28/03/2012

    Ti dico subito, io sono di Benevento e da tre anni a questa parte, la squadra della mia città, che milita in lega pro, è inserita in questi gironi misti nord/sud. Ed in questa ottica di gestione, da parte della lega, è inevitabile, ovviamente, che ci siano trasferte da fare,anche se lunghe! Queste trasferte, si sono più volte trasformate in dei veri e propri incubi. Ad esempio, in città che si definiscono civilissime, come Reggio Emilia, Como e Varese, si sono verificati degli episodi a dir poco incresciosi! A Reggio i tifosi in tribuna,hanno gettato l'urina addosso ai nostri giornalisti,poi a Como,sono stati oggetto di una miriade di cori razzisti e un fitto lancio di oggetti ed a Varese,in occasione della semifinale play off,di due anni fa, i nostri sono stati accolti con striscioni e cori razzisti dal primo all'ultimo minuto..e ti assicuro che, in tutte queste occasioni, i miei concittadini, non avevano fatto assolutamente nulla, per provocare tali atti di pura inciviltà!!

  2. guerrierosannita
    guerrierosannitaalle 17:00 del 26/03/2012

    senti mirco, adesso ti proponi per un confronto civile, ma fino ad ora, non è che sei stato molto equilibrato nelle tue esternazioni, definendo più o meno palesemente, tutti i meridionali, omertosi e mafiosi, nonché generalizzando banalmente, in merito alle cose che succederebbero solo sui "campi caldi" del sud..ti ricordo che,ci sono tantissimi campi anche al nord,specie nelle categorie inferiori, ma non solo,dove le squadre meridionali e i loro tifosi, vengono accolte con un clima di guerriglia,mica con le rose ed i fiori??? Solo su una cosa siamo d'accordo,ci si dovrebbe dare tutti una calmata,nel calcio e non solo...

  3. Mirco Orio
    Mirco Orioalle 08:56 del 27/03/2012

    Vorrei ricordare che la Lega non ha il 100% dei viti a Veroba, ci sono anche gli altri movimenti i o partiti e che non saprei di che campi in categorie inferiori ti riferisci. Ciao

  4. guerrierosannita
    guerrierosannitaalle 14:04 del 26/03/2012

    Non ti preoccupare,che la faccia ce la metto anch'io...ti contatto su f.b.

  5. Mirco Orio
    Mirco Orioalle 14:41 del 26/03/2012

    Sempre disponibile a parlare civilmente con altri tifosi, sei il benvenuto.

  6. peppe1812
    peppe1812alle 13:04 del 26/03/2012

    ricordo che a verona giornalisti napoletani non potevano fare nemmeno il loro lavoro perche' in tribuna(!) vennero minacciati da stewart (!) veronesi, allucinante!

    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv