Thiago Silva, pilastro Fluminense

23 anni, difensore brasiliano: lo ha scoperto Dunga, gli osservatori di mezza Europa segnalano Speciale Talent Scout

domenica 02 marzo 2008

    ROMA, 2 marzo - Le relazioni positive preparate dagli osservatori del Milan, del Torino e del Bayer Leverkusen stanno facendo da cornice alla stagione di Thiago Silva, 23 anni, difensore centrale della Fluminense, in testa alle classifiche di rendimento nel suo ruolo e già convocato nella nazionale brasiliana dal commissario tecnico Carlos Dunga. Il 2007 ha contrassegnato la maturazione di questo talento, che ha ricevuto a dicembre la “Bola de Prata”, il Pallone d’Argento, premio annuale assegnato dalla rivista Placar ai migliori undici calciatori del campionato verdeoro: Rogerio Ceni (Sao Paulo) in porta, Leonardo Moura (Flamengo) e Kleber (Santos) sulle fasce, Breno (ex Sao Paulo, ora al Bayern Monaco) e Thiago Silva (Fluminense) al centro, Richarlyson (Sao Paulo) e Valdivia (Palmeiras) esterni, Thiago Neves (Fluminense) e Hernanes (Sao Paulo) sulla mediana, Leandro Amaral (Vasco da Gama) e Acosta (Nautico) in attacco.

    GIÀ PORTO E DINAMO MOSCA - Thiago Silva ha già conosciuto, quando era giovanissimo, l’avventura all’estero: nel 2004 era stato tesserato dal Porto e l’anno successivo aveva giocato in Russia nella Dinamo Mosca. Nell’ultimo campionato brasiliano ha contribuito al terzo posto conquistato dalla Fluminense in condominio con il Flamengo. Dopo la partenza a gennaio di Breno, classe ’89, ceduto dal Sao Paulo al Bayern Monaco, Thiago Silva è diventato il giovane più stimato fra i difensori centrali del calcio carioca. Dunga l’ha chiamato nella Seleçao lo scorso 22 agosto per l’amichevole contro l’Algeria, disputata a Montpellier, in Francia: partita vinta 2-0 dal Brasile con i gol di Ronaldinho e Maicon. Dunga lo aveva convocato al posto dell’infortunato Luisao, che a sua volta era stato inserito nella lista per tamponare l’assenza del romanista Juan.

    LA SCHEDA - Nato a Rio de Janeiro il 22 settembre del 1984, Thiago Silva ha totalizzato finora 108 presenze con la maglia della Fluminense e ha realizzato anche nove gol. Nel campionato carioca ha segnato l’ultima rete lo scorso 23 gennaio, allo stadio Maracanà, contro il Duque de Caxias (3-2). Thiago Silva è alto un metro e 83 per un peso-forma di 79 chili: indossa la maglia numero 3. Ha personalità ed è un punto di riferimento per i suoi compagni di reparto. E’ forte nel gioco aereo: qualità che gli permette di trovare spesso il gol in occasione dei calci piazzati. Ha anche un lancio lungo e una buona tecnica che gli consentono di partecipare alla costruzione della manovra. Non è stato seguito soltanto dal Milan e dal Bayer Leverkusen. Nelle ultime settimane è stato visionato dal Villarreal e dal Siviglia.

    LA STORIA - Thiago Silva ha cominciato a giocare da bambino nella scuola-calcio del Campo Grande: lo portavano agli allenamenti il papà Geraldo e la mamma Angela. Nel 2001 stava per passare al Flamengo e all’America, ma un amico di Paulo Cesar Carpeggiani, ex mediano dell’Internacional di Porto Alegre (con Paulo Roberto Falcao e Caçapava) e del Flamengo (con Junior, Adilio e Andrade), lo convinse a legarsi al RS Futebol di Alvorada, nel Rio Grande do Sul. Due anni con questa maglia, nella Terceira Divisao do Gaucho, e nel 2003 il trasferimento alla Juventude: è proprio nel club di Rio Grande do Sul, sotto la guida dell’allenatore Ivo Wortmann, che Thiago Silva viene impostato in modo definitivo nel ruolo di difensore centrale, dopo che in precedenza aveva fatto anche il laterale destro. Nel 2004 è stato scoperto dal Porto: aveva firmato anche un contratto di cinque anni, ma una polmonite non gli ha permesso di imporsi. E così, nel 2005, è andato alla Dinamo Mosca, in attesa di ritornare poi in Brasile e di firmare nel 2006 per la Fluminense. Il suo idolo è il paraguaiano Carlos Alberto Gamarra, ex Inter. Ivo Wortmann e Paulo Cesar Gusmao sono i tecnici che hanno inciso di più sulla sua crescita. Sposato con Isabele, Thiago Silva si è messo in evidenza anche nella Coppa Libertadores: buona la sua prova nell’ultimo impegno a Quito, in Ecuador, contro il Liga Deportiva Universitaria ((0-0), quando è stato utilizzato dal tecnico Renato Gaucho in coppia con Luiz Alberto. Il cartellino di Thiago Silva costa circa quattro milioni di euro. Con il trequartista Thiago Neves, 23 anni, è il giocatore più interessante della Fluminense, che occupa il secondo posto (17 punti) nel campionato carioca alle spalle del Flamengo, a quota 18.

    Stefano Chioffi
    Utilizza questa funzione per segnalare il commento ai moderatori.
    Quale di queste opzioni descrive meglio la motivazione della segnalazione:

    Per commentare, loggati con uno dei servizi disponibili:

    Commenti

      in edicola
      Vai alla prima pagina

      Adv