Simoncelli muore in pista a Sepang

Tragedia assurda al GP della Malesia: perde la vita uno dei piloti più amati e di talento, Campione del Mondo 2008 della 250 e stella promessa della categoria regina

domenica 23 ottobre 2011

SEPANG, 23 Ottobre – Marco Simoncelli è morto. La notizia ufficiale è stata data alle 11,03 dal centro medico del circuito di Sepang, il decesso è avvenuto alle 10:56 italiane (16:56 in Malesia). Simoncelli era nato a Cattolica il 20 gennaio 1987. Soprannominato Supersic, per via dell'abbreviazione del suo cognome nella grafica televisiva della classifica durante le corse, ha iniziato a correre a 7 anni con le minimoto nella città in cui viveva, Coriano. Nel 2002 è campione europeo classe 125 e lo stesso anno debutta nel Motomondiale al GP della Repubblica Ceca col team Aprilia CWF - Matteoni Racing, al posto di Jaroslav Huleš, passato alla classe 250. Termina la stagione 33º con 3 punti ed ottiene come miglior risultato un tredicesimo posto in Portogallo. Nel 2003 corre la prima stagione completa del Motomondiale, con compagno di squadra Mirko Giansanti, terminando la stagione 21º con 31 punti ed ottenendo come miglior risultato un quarto posto in Comunità Valenciana. Il 2004 vede a Jerez la sua prima pole e la sua prima vittoria in carriera; la seconda vittoria arriva a Brno, dove guadagna ancora la pole position. Nel 2005 passa al team Nocable.it Race e Marco vince un altro gran premio ancora a Jerez e sale in tutto sei volte sul podio, facendo secondo in Catalogna e terzo in Germania, Repubblica Ceca, Qatar e Australia. Chiude al quinto posto con 177 punti, realizzando anche una pole position in Spagna.

PASSAGGIO IN 250 - La sua stazza lo penalizza per la 125 e nel 2006 passa in 250, alla guida della Gilera RSV 250. Si classifica decimo con 92 punti senza ottenere risultati importanti, infatti il suo miglior risultato è un sesto posto in Cina. L'anno successivo l'Aprilia toglie a Simoncelli la moto ufficiale e gli affida una Aprilia RSW 250 LE sempre nel team Metis Gilera: in una stagione avara di risultati, chiude al 10º posto con 97 punti, con miglior risultato in gara due sesti posti in Francia e Olanda. Ma nel 2008 le cose vanno molto meglio: in Portogallo riesce a guadagnare la sua prima pole stagionale, e nella gara dopo riesce portare a casa la prima vittoria al Mugello e poi in Catalogna. Ricevuta una moto ufficiale, vince al Sachsenring con ben 10" di vantaggio su Mika Kallio, poi a Motegi, a Phillip Island, e col terzo posto a Sepang si laurea campione della 250, per poi vincere a Valencia a coronamento di una stagione trionfale, in cui totalizza 281 punti. Marco fa anche secondo in Francia e Gran Bretagna, terzo in Olanda e Repubblica Ceca, ottiene la pole position in Germania, Repubblica Ceca, Giappone, Australia e Comunità Valenciana. Nel 2009 decide di difendere il titolo in 250 e vince in Francia prima di ingaggiare sul bagnato del Mugello una sfida memorabile con Mattia Pasini, arrivando però in seconda posizione. Trionfa al Sachsenring conquistando la sua 10º vittoria in carriera, poi vince anche a Brno, di nuovo dopo una battaglia con Pasini, poi un altro grande successo a Indianapolis permette a Simoncelli di avvicinarsi al leader del Mondiale Hiroshi Aoyama e dallo spagnolo Alvaro Bautista. Altre due vittorie consecutive in Portogallo e in Australia lo portano a ridosso ad Aoyama, con ancora due gare da disputare. In Malesia vince il giapponese (suo futuro compagno di squadra) ma dietro Simoncelli ed Hector Barberá arrivano sul traguardo appaiati. L'esame al fotofinish non chiarisce chi sia davanti e la seconda posizione viene assegnata allo spagnolo per via di un giro veloce migliore. Una scivolata a Valencia lo porta a finire terzo in classifica, così come terzo finisce in una trasferta nel Mondiale Superbike sull'Aprilia RSV4 in sostituzione di Shinya Nakano al GP del Portogallo a Portimao. In Gara 2, dopo una caduta in Gara 1, riesce a conquistare il terzo gradino del podio finendo davanti al compagno di squadra Max Biaggi.

SALTO IN MOTOGP - Nel 2010 Supersic però passa alla classe maggiore: va in MotoGP con la RC212V del team San Carlo Honda Gresini, accanto a Marco Melandri. Ottiene come miglior risultato un quarto posto in Portogallo e termina la stagione all'8º posto con 125 punti. In questa stagione 2011, segnata da molte cadute e da polemiche con i rivali, Simoncelli ottiene un terzo posto e un secondo proprio la scorsa settimana in Australia, alle spalle del campone del mondo Stoner. In Malesia era arrivato con la speranza di fare podio e di puntare alla prima vittoria in carriera in MotoGP, ma una scivolata, l'ennesima di questa stagione, lo ha portato in condizione di essere travolto dai piloti che sopraggiungevano. L'urto sul collo, al secondo giro a Sepang, colpito dalle moto di Colin Edwards e Valentino Rossi, suo grande amico, è stato fatale e Marco Simoncelli perde la vita a soli 24 anni.  

3
  1. iceman Scrive:
    24/10/2011 01:26:38

    Vista la dinamica dell'incidente, quella di Simoncelli è stata proprio una tragedia assurda. Un pensiero anche a Rossi e Edwards che, anche se incolpevoli, saranno certamente sconvolti.

  2. robbi77 Scrive:
    23/10/2011 20:29:07

    Non ci sono parole per commentare una simile tragedia,solo le lacrime delle tante persone che ti volevano bene bastano a far capire quanto ci mancherai! Ciao SUPERSIC R.I.P.

  3. GOOSWINGERS Scrive:
    23/10/2011 12:44:38

    REST IN PEACE MARCO !!!!!!!!!!!!!!!!

    Scrivi un commento
    Per poter inserire un commento/articolo devi eseguire il login


     


     
    Se non sei ancora registrato clicca quì: REGISTRATI
     
    in edicola
    Vai alla prima pagina

    Adv