Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Altri Sport

Vedi Tutte
Altri Sport

In tv le imprese di Valsesia

In tv le imprese di Valsesia

Stasera su Bike Channel, canale 214 di Sky, quinta puntata dedicata al campione italiano di endurance che stavolta darà la scalata al Kilimangiaro dopo 27 ore no stop.

Sullo stesso argomento

 Andrea Ramazzotti

martedì 6 marzo 2018 12:04

MILANO - Dopo la messa in onda delle prime quattro puntate (“Salar”, “Summit”, “On The Road Again” e “Mas Alto Que Los Condores”), continuano su Bike Channel (canale 214 di Sky) le avventure di Nico Valsesia, l’ultratrail runner, ciclista e campione italiano di endurance che porta in tv le sue imprese sportive estreme. L’ultima puntata andrà in onda stasera alle 21,15: From Zero to Kilimangiaro. Racconta i 400 km tra bicicletta e corsa alla conquista di Uhuru Peak (5895 mt), la cima più alta del Kilimangiaro. Nico Valsesia conquista la vetta del monte africano dopo 27 ore no-stop su 8000 mt di dislivello attivo macinati, partendo dall’Oceano Indiano. Tra gli atleti più conosciuti in Italia (e non solo) grazie alla lunga serie di imprese sportive estreme e i suoi record in bici e di corsa su itinerari massacranti in tutto il mondo, Valsesia ha fatto del suo motto “La fatica non esiste” un vero e proprio marchio di fabbrica e il libro omonimo che racconta alcune delle sue fatiche, scritto con il giornalista Andrea Schiavon, è stato pubblicato da Mondadori nel 2014. “Ripetere «La fatica non esiste» sembra facile, ma le immagini di certe gare ed esperienze impressionano pure me, che le ho vissute. Pedalare o correre sino allo stremo, sentire le forze che si esauriscono è un viaggio nel viaggio, un'esplorazione dentro te stesso – racconta Valsesia - Dal Monte Bianco al Kilimangiaro, dal Salar de Uyuni alla Race Across America, cambiano le coordinate e gli scenari, ma non la direzione. Quella è sempre la stessa. Un percorso nella fatica che mi ha permesso di cementare legami autentici con le persone che ho incontrato lungo la via. Un itinerario fatto di sorrisi sudati e sfiniti, che mi ha consentito di condividere con i miei figli la mia idea di mondo. Un posto dove, se lo vuoi, puoi arrivare ovunque”.

Articoli correlati

Commenti