Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Atletica

Vedi Tutte
Atletica

Campionati Atletica Leggera Fisdir, si parte il 16!

Campionati Atletica Leggera Fisdir, si parte il 16!

L'Esercito apre le porte allo sport paraolimpionico. Pancalli: "E' un segnale importante, il Paese cresce attraverso l'impegno delle Istituzioni"

Sullo stesso argomento

 

lunedì 12 giugno 2017 18:25

ROMA - Dal 16 al 18 giugno, presso il Centro Sportivo Olimpico Esercito Caserma "S.Abba", è in programma il Campionato Italiano Fisdir di atletica leggera. Numeri pazzeschi per l'evento: 25 atleti, 51 società rappresentate, 257 titoli nel promozionale, 115 nell'agonistico e 53 nella categoria sindrome di Down. L'esercito apre quindi le porte allo sport paralimpico: "E' un onore - ha spiegato il Comandante Del Favero durante la presentazione - sono conteno di avere questa opportunità di ospitare questa manifestazione". Soddisfatto anche il Colonnello Consoli: "L'Esercito ha sempre voluto collaborare con il mondo paralimpico e il grande successo dei recenti Trisome Games è la dimostrazione di quanto questa collaborazione abbia dato ottimi frutti e stia continuando a darli". Sul centro: "E' un'eccellenza. Dare questa opportunità alla Fisdir è per noi motivo di orgoglio e lo faremo attraverso un supporto importante per tutta la durata della manifestazione".

PANCALLI - "La disponibilità ad aprire la propria struttura da parte dell'Esercito, è il segno di un Paese che cresce attraverso l'impegno delle Istituzioni. L’obiettivo è quello di uno sport che sia praticato da tutti, e per fare questo bisogna lavorare perchè quelli che sono sotto al livello del mare riescano a emergere". Ha parlato così il Presidente del CIP sul Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa: "E' la risposta a uomini e donne che hanno pagato a caro prezzo il loro sacrificio". Alla presentazione è intervenuto anche il presidente della Fisdir Marco Borzacchini: "L'Italia è un Paese all'avanguardia per quanto riguarda l'atletica leggera praticata da atleti disabili intellettivi e relazionali. Questi campionati saranno importanti dal punto di vista agonistico ma anche promozionale, consapevoli che anche attraverso questi eventi si riesce sempre di più a divulgare il valore del paralimpismo". 

Articoli correlati

Commenti