Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Atletica

Vedi Tutte
Atletica

Atletica, Giomi: «Milano capitale italiana dello sport? Magari...»

Atletica, Giomi: «Milano capitale italiana dello sport? Magari...»
© ANSA

Il presidente della Federazione italiana di atletica leggera parla della mancata candidatura Olimpica: «Guardiamo avanti»

 

 

lunedì 18 settembre 2017 15:22

ROMA - «Guardiamo avanti. Inutile ritornare su certi argomenti. C’è un momento in cui si dice tutto quello che si deve dire poi punto. Noi guardiamo avanti e ci sembra che sia stato aperto un dialogo estremamente significativo e importante che dal mio punto di vista può portare solo benefici a tutti». Così il presidente della Federazione italiana di atletica leggera, Alfio Giomi, torna a parlare della mancata candidatura Olimpica ai microfoni di Radio Radio. «Dopo la Via Pacis ci sarà il Fly Europe a piazza del Popolo. Questo è stato possibile farlo solo perché l’amministrazione comunale ha dato il suo grande supporto. Io credo che sia opportuno guardare avanti perché esistono tutte le condizioni, perché Roma sia capitale del mondo anche nello sport a 360 gradi. Non solo non c’è nessun accenno polemico anzi è vero il contrario: grazie a queste collaborazioni io ho riscontrato la volontà del Comune di superare momenti che hanno diviso».

MILANO CONTRO ROMA - «Milano capitale dello sport? È bello che ci sia questa sorta di competizione, questa sorta di possibilità di confronto. Roma ha un vantaggio su qualsiasi altra città al mondo tanto che è la capitale, c’è il Vaticano e lasciatemelo dire c’è il Foro Italico. Roma parte da un vantaggio immenso avere nello stesso complesso uno stadio di atletica, uno stadio del nuoto e una situazione complessiva che ospitare altri sport. Roma ha questo punto di partenza straordinario. Che poi Milano si candidi, è solo bello. Sarebbe bellissimo un giorno avere l’opportunità di fare anche a Milano quello che purtroppo oggi a Milano non si può fare. Io come presidente dell’atletica devo dire portatemi a Milano, sì ma dove? Non c’è un impianto che possa essere realizzato per qualsiasi tipo di manifestazione. L’arena storica è ancora ferma siamo ancora al punto che dobbiamo ancora rifare la pista. Ben venga Milano, ha un'amministrazione sicuramente di valore e di spessore che darà allo sport l’importanza che merita ma bisogna far seguire alle parole i fatti».

Articoli correlati

Commenti