Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Tour de France, a Sagan tappa e maglia gialla
© AP
Ciclismo
0

Tour de France, a Sagan tappa e maglia gialla

Lo slovacco ha vinto la 2/a frazione da Mouilleron Saint-Germain a La Roche sur Yon, lunga 182,5 chilometri, ed è il nuovo leader in classifica

PARIGI - Lo slovacco Peter Sagan ha vinto la 2/a tappa del 105/o Tour de France di ciclismo, da Mouilleron Saint-Germain a La Roche sur Yon, lunga 182,5 chilometri. Al secondo posto l'italiano Sonny Colbrelli, la cui rimonta si è fermato a pochi centimetri dal campione del mondo su strada. Sagan, grazie al successo odierno (il nono), è la nuova maglia gialla della corsa a tappe francese.

Per lo slovacco, triplice campione del mondo su strada, è la nona vittoria nella Grande boucle. Dietro Colbrelli si è piazzato il francese Arnaud Demare, penalizzato da una foratura, ma bravo e abile e rifarsi sotto: Andrè Greipel e Alexandrer Kristoff si sono dovuti accontentare delle piazze d'onore. Volata a ranghi ridotti, dunque, perché a un paio di chilometri dall'arrivo di una tappa lunga 182,5 chilometri e partita da Mouilleron Saint-Germain, all'uscita di una curva, sono finiti a terra alcuni specialisti: dalla maglia gialla in carica Fernando Gaviria a Impey, Matthews e Haussler. Marcel Kittel, favorito assoluto, invece, era rimasto attardato a una decina di chilometri dall'arrivo a causa di un guaio meccanico: il tedesco, ancora una volta, non è stato fortunato. Vincenzo Nibali è 22/o nella generale, a 16" da Sagan, dietro lui Romain Bardet (23/o) con lo stesso tempo, come Rigoberto Uran, che è 30/o e Mikel Landa 33/o. Chris Froome è 84/o, a 1'07", Richie Porte 79/o con lo stesso tempo. L'eroe di giornata è stato Sylvain Chavanel, classe 1979, alla 18/a partecipazione a un'edizione del Tour, in fuga nella speranza di conquistare una vittoria, ma ripreso a una manciata di chilometri dall'arrivo. Il francese era riuscito a guadagnare anche 4' di vantaggio sul gruppo, ma non ce l'ha fatta a conservare il vantaggio. Resta il fatto che ha dimostrato un'ottima gamba, partendo al chilometro numero 3, poi via, via rimasto da solo. E' già finita, invece, la corsa di Luis Leon Sanchez, che era atteso nelle tappe in salita e oggi è andato a cozzare contro uno spartitraffico. La sua corsa si è conclusa in ospedale, a causa di un problema al gomito. Lo ha imitato, finendo sull'asfalto, Adam Yates, caduto anche ieri. L'inglese è riuscito a rientrare tutt'altro che correttamente, sfruttando la scia dell'ammiraglia della 'sua' Mitchelton-Scott. Domani il Tour disputa la cronosquadre di Cholet (arrivo e partenza), lunga 35 chilometri, al termine dei quali la classifica verrà ridisegnata. C'è spazio per i ribaltamenti e il Team Sky punta a ristabilire le gerarchie.

Vedi tutte le news di Ciclismo

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

Altri Sport

Tutte le notizie di Altri Sport