Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Pugilato

Vedi Tutte
Pugilato

Pugilato: addio a Brillantino, maestro di campioni azzurri 

Pugilato: addio a Brillantino, maestro di campioni azzurri 

Lutto nel mondo della boxe, muore a 76 anni il maestro che lanciò Russo e Mangiacapre

Sullo stesso argomento

 

martedì 30 gennaio 2018 12:16

ROMA -  Si terranno oggi alle ore 15 a Marcianise (Caserta), nella Chiesa di San Giovanni Paolo II, i funerali di Domenico Brillantino, maestro di boxe, morto all'età di 76 anni. Una grave perdita per il mondo della boxe italiana e internazionale, ma soprattutto per la città di Marcianise. Brillantino ha, infatti, salvato dalla strada decine di ragazzi in anni in cui le giovani leve erano contese da due clan camorristici che rivendicavano il controllo del territorio. Maestro di vita, ha lasciato in eredità non solo una palestra, l'Excelsior Boxe, fucina di campioni come Clemente Russo e Vincenzo Mangiacapre, e simbolo di un movimento pugilistico che ha fatto di Marcianise una capitale della "noble art"; del maestro si ricorderà soprattutto lo stile pratico improntato al rispetto delle regole, di quelle regole che lui aveva fatto diventare cardini della sua vita e di quella dei suoi ragazzi. L'apoteosi dei suoi insegnamenti è arrivata con le medaglie olimpiche, quella di bronzo del 1984 a Los Angeles di Angelo Musone, i due argenti di Pechino 2008 e Londra 2012 di Russo, e il bronzo ottenuto sempre a Londra di Mangiacapre. Ma il palmares del maestro è ricco di titoli italiani e internazionali. Per lui però i titoli contavano poco, ciò che gli interessava era tornare ogni giorno in palestra dai suoi ragazzi, che lo amavano e lo rispettavano prima di tutto come un padre. Il sindaco di Marcianise Antonello Velardi, genero di Brillantino, lo ha ricordato con affetto e commozione. «Sì, era una persona speciale - ha scritto il primo cittadino sul proprio profilo Facebook - ho letto cose bellissime su quest'uomo che, grazie al pugilato, ha portato Marcianise sulla vetta del mondo. Ne sono orgoglioso. Tutto per gli altri, nulla per sé: ecco che cosa era il maestro. La sua vita è un inno all'altruismo, un monumento all'impegno civile. Ricordiamolo sempre».

Articoli correlati

Commenti