Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Rugby

Vedi Tutte
Rugby

Isles ai Glasgow Warriors, l'ala più veloce del mondo

Corre i 100 in 10”13 ventoso (+3,2 m/s) e 10”24 regolare e già è un fuoriclasse nel rugby a sette, il nuovo acquisto della franchigia scozzese di Celtic League

 Francesco Volpe

giovedì 27 febbraio 2014 22:34

ROMA - Se pratichi l’atletica e corri i 100 in 10”13 ventoso (+3,2 m/s) e 10”24 regolare, a Usain Bolt al massimo puoi prendere la targa. Se giochi a rugby e corri i 100 in 10”13 ventoso e 10”24 regolare, sei il rugbista più veloce del mondo. Signore e signori, ecco a voi Carlin Isles, l’ultimo grido in fatto di pallaovale. Beh, ultimo... Sono quasi due anni che il ragazzo dell’Ohio fa meraviglie nel circuito mondiale del rugby “a sette”, quello che nel 2016 sbarcherà all’Olimpiade di Rio. Con la maglia degli Stati Uniti, 14 tornei e 27 mete. Un fenomeno.
Da ieri Isles è un giocatore dei Glasgow Warriors, la franchigia scozzese di Celtic League. Dunque non più solo Seven, ma rugby a XV, quello in cui girano omoni da 120 chili e gli spazi sono drammaticamente più ridotti. Un acquario ben diverso da quello in cui era abituato a nuotare l’ex velocista e wide-receiver della Ashland University, che pesa attorno ai 75 kg. «Sono felice di giocare a rugby - ha detto all’atto della firma del contratto (annuale) - e di avere l’opportunità di farlo al più alto livello. Il XV è molto diverso dal rugby cui sono abituato, ma voglio lavorare duro e fare il possibile per riuscire».
A fine 2013, Isles ha anche tentato l’avventura nel football Usa con i Detroit Lions, ma non era riuscito a strappare più di un contratto da promessa. Così ha saltato il fosso, e l’Atlantico. «Con la sua velocità e la sua capacità di eludere l’avversario, parte già da una buona base. Ora deve capire come gioca un’ala nel rugby a XV» spiega Gregor Townsend, coach di Glasgow ed ex apertura della Scozia.

KIRWAN - L’ex c.t. azzurro John Kirwan ha prolungato il contratto da tecnico degli Auckland fino al 2015.

Francesco Volpe

Per Approfondire