Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Sei Nazioni

Vedi Tutte
Sei Nazioni

Sei Nazioni, il ct O’Shea: «Voglio i successi ma per me conta più la prestazione» 

Sei Nazioni, il ct O’Shea: «Voglio i successi ma per me conta più la prestazione» 
© ANSA

Con il torneo ormai alle porte il capitano azzurro Parisse: «L'obiettivo è la continuità». Duro esordio dell'Italia contro i campioni in carica dell'Inghilterra

Sullo stesso argomento

 

lunedì 22 gennaio 2018 19:24

ROMA - «Vogliamo toglierci delle soddisfazioni ma anche vincere le partite, non ci accontentiamo di essere competitivi». Ne è certo il capitano degli azzurri di rugby, Sergio Parisse, parlando a margine della presentazione del Sei Nazioni al Salone d'Onore del Coni. «Se firmassi per chiudere il torneo con una sola vittoria? No, firmerei per cinque partite che all'80' siamo ancora lì a giocarcela, perché vincerne una e poi prendere 50 punti a quella dopo non va bene. L'obiettivo è la continuità, che è sempre stato il nostro punto debole, non ci possiamo più permettere alti e bassi», aggiunge il capitano dell'Italrugby, prima di confermare la «massima fiducia» nel ct Conor O'Shea e nel suo lavoro: «Siamo pronti - conclude Parisse -Io che un po' di esperienza ce l'ho mi rendo conto che questo gruppo sta crescendo davvero tanto. Ora mi piacerebbe concretizzare questa crescita con i risultati positivi». Stesso pensiero del ct azzurro: «Vogliamo vincere tutte le partite ma - le parole di O'Shea- la cosa più importante per noi è la prestazione. Il nostro obiettivo in tutte le partite è essere sicuri che giochiamo al nostro migliore livello. Non sono stupido, so che vengo giudicato sui risultati ma non è un problema. Noi giudichiamo noi stessi in base alla prestazione».

IL PROGRAMMA - Dopo il durissimo esordio di domenica 4 febbraio all'Olimpico contro i campioni in carica dell'Inghilterra, squadra numero 2 del ranking mondiale, l'Italia giocherà sabato 10 a Dublino contro l'Irlanda. Seguiranno le sfide con la Francia dell'ex ct azzurro Jacques Brunel (23 febbraio a Marsiglia), contro il Galles a Cardiff (11 marzo), per poi chiudere in casa a Roma con la Scozia.

Articoli correlati

Commenti