Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Cronaca

Vedi Tutte
Cronaca

Loris Stecca condannato a 8 anni e 6 mesi

Era accusato del tentato omicidio della ex socia della palestra

 

giovedì 28 maggio 2015 21:41

RIMINI - Loris Stecca è stato condannato a 8 anni e 6 mesi per il tentato omicidio di Roberta Cester, socia della palestra di Viserba in cui l'ex pugile ha allenato fino al giorno dell'aggressione, il 27 dicembre 2013, quando accoltellò all'addome la donna. La sentenza di primo grado del tribunale collegiale di Rimini è arrivata nel pomeriggio e ha riconosciuto l'ex campione del mondo di pugilato, difeso dagli avvocati Luca Ventaloro e Piero Ippoliti, colpevole di tentato omicidio e, in continuazione, di violenza privata, relativo all'episodio accaduto qualche ora prima nello stesso giorno dell'aggressione in cui Stecca spinse la Cester, che perdendo l'equilibrio cadde per le scale. Esclusa dalla Corte l'aggravante della premeditazione. Stecca è stato invece assolto per il porto abusivo d'arma, il coltello usato per pugnalare la socia. La sentenza va oltre quello che il pubblico ministero Paolo Gengarelli, aveva chiesto nella precedente udienza: 5 anni e 10 mesi di reclusione. Alla parte civile, rappresentata dall'avvocato Flavio Moscatt, una provvisionale immediatamente esecutiva di 70mila euro. "Abbiamo affrontato questo processo - ha detto Moscatt - con serenità e garbo aspettandoci una sentenza giusta. Questa è una sentenza giusta".

Per Approfondire

Commenti