Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Vujacic affonda Levallois, Filloy doma il Besiktas

Vujacic affonda Levallois, Filloy doma il Besiktas
© CIAMILLO

La Fiat bissa in Champions League il successo su Milano piegando Boris Diaw e compagni. In Eurocup bene Avellino, harakiri della Reggiana.

 

mercoledì 13 dicembre 2017 23:22

ROMA - In Champions League Avellino torna al successo battendo il Besiktas, capolista del gruppo D, per 90-74. La squadra di Pino Sacripanti ha tenuto costantemente la testa toccando la doppia cifra di vantaggio nel secondo tempo grazie a Filloy (20 punti e 6 assist), Leunen (13 punti e 9 assist) e Rich (19 punti). La Sidigas torna così prepotentemente in corsa per il primo posto nel gruppo D di Champions grazie al doppio successo proprio sul Besiktas. Per gli ospiti non bastano i 16 punti di Clark, i 12 di Strawberry, gli 11 di Lima e i 10 di Boatright.

 

GRAN TORINO - In Eurocup Torino bissa il successo su Milano battendo anche il Levallois Metropolitans 92-86. La Fiat è partita a razzo e chiuso il primo quarto sul 31-14, poi però a partire dal secondo periodo la squadra transalpina ha iniziato la sua rimonta che l'ha portata anche a -2. Nel finale la squadra di Luca Banchi ha ripreso il comando delle operazioni ottenendo un successo preziosissimo in ottica qualificazione alla Top 16. Per Torino 17 punti di Vujacic, 14 di Washington, 13 di Garrett, 12 di Iannuzzi, 11 di Patterson e 10 di Okeke. Per il Levallois 23 punti di Boris Diaw, 15 di Leslie, 11 di Francisco e Prepelic.

 

REGGIANA KO - Cade invece malamente Reggio Emilia, che dopo il ko interno con i lituani del Lietkabelis vede allontanarsi le proprie speranze di qualificazione alla seconda fase. La Grissin Bon si è affidata a Markoishvili e Della Valle, 10 punti a testa nel primo tempo chiuso in vantaggio sul 40-37. La Reggiana si è mantenuta sempre avanti toccando il +4 a 90 secondi dal termine con un altro canestro di Della Valle. E' stato Julian Wright a sprecare un po' troppo al termine dei regolamentari e all'overtime i lituani si sono imposti 82-85.

Articoli correlati

Commenti