Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Mondo Basket

Vedi Tutte
Mondo Basket

Champions, Venezia sfiora la rimonta ma cede al Pinar

Champions, Venezia sfiora la rimonta ma cede al Pinar
© LaPresse

Dopo essere finita a -15 Venezia rimonta fino al -2 ma cede nel finale: a Izmir finisce 74-71. Ponitka MVP con 25 punti e 8 rimbalzi

 

mercoledì 22 marzo 2017 20:13

ROMA - II Pinar Karsiyaka si aggiudica il primo atto del quarto di finale di FIBA Champions League superando, tra le mura amiche della Karsiyaka Arena di Izmir, l'Umana Venezia 74-71. Autentico protagonista del successo dei turchi è stato il polacco Mateusz Ponitka, che ha siglato la bellezza di 25 punti aggiungendo anche 8 rimbalzi e 3 assist. Il -3 finale però lascia aperto ogni discorso qualificazione in vista del ritorno in programma al Taliercio mercoledì prossimo.

RIMONTA SFIORATA - La Reyer parte malissimo chiudendo sotto di 10 lunghezze un primo quarto (25-10) in cui la difesa orogranata ha concesso decisamente troppo allo scatenato Ponitka e ai suoi compagni. Il polacco del Pinar è davvero incontenibile e alla ripresa del gioco continua a segnare a raffica e, insieme all'ex sassarese Petway e all'ex senese Summers, spinge il Pinar fino al massimo vantaggio della sua serata, che arriva sul 38-23. Haynes, Bramos e Ortner prima dell'intervallo lungo riescono ad alleggerire il passivo firmando il -10 esterno su cui le squadre vanno negli spogliatoi (40-30). Peric e McGee al rientro in campo spingono a -6 una Reyer che ci comincia a crederci e torna in partita. Green, Brown e Summers - da fuori - allungano nuovamente l'elastico del vantaggio turco prima della bomba di Haynes che manda a bersaglio il nuovo -10 lagunare che diventa addirittura -5 dopo il tiro ravvicinato di Viggiano e il gioco da tre dello stesso Haynes (50-45). Nel finale si sveglia anche Bramos che con 4 punti ti in fila suggella il -2 (59-57). Haynes ed ed Ejim sul 61-59 falliscono rispettivamente il sorpasso e il pareggio e così il Pinar ne approfitta per sprintare grazie ai canestri di Green e Ponitka.

Articoli correlati

Commenti