Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

NBA

Vedi Tutte
NBA

Horford doma Portland, Lopez gela i Thunder

Horford doma Portland, Lopez gela i Thunder
© EPA

Boston vince in volata nonostante le tante assenze, altro ko di OKC che cedono ai Lakers.

 

lunedì 5 febbraio 2018 01:23

ROMA - Nel pomeriggio NBA, in attesa del Superbowl, Boston supera Portland in volata grazie al canestro a fil di sirena realizzato da Al Horford (22 punti, 10 rimbalzi e 5 assist). I Blazers si illudono nel primo tempo ma poi i Celtics mettono insieme un break di 33-19 nel terzo quarto nonostante le assenze di Irving, Smart e Morris. Uno dei più continui è Brown (16 punti e 4 assist), Portland perde la seconda partita consecutiva tirando nonostante McCollum (22 punti e 3 assist) e Lillard (21 punti e 9 assist). Quarta sconfitta consecutiva per i Thunder, che cedono ai Lakers 104-108. Westbrook prova a vincerla con 36 punti e 9 assist, George lo supporta con 26 punti mentre Anthony va a sprazzi (10 punti e 13 rimbalzi, 3/13 dal campo). I Lakers mandano l’intero quintetto in doppia cifra e hanno un Lopez ottimo in area (20 punti, 5 rimbalzi) e la solita efficacia da Randle (19 punti, 6 rimbalzi).

 

NETS KO - I Bucks sono 5-1 da quando Jason Kidd è stato licenziato, comodo il successo sui Nets al Barclays Center dopo aver chiuso la pratica nel primo periodo con un parziale di 36-22. Milwaukee si spaventa per l’infortunio di Antetokounmpo nel quarto periodo (16 punti, 8 rimbalzi e 4 assist), il resto lo fa Bledsoe (28). I Nets vengono traditi da Dinwiddie (9 punti e 10 assist con 3/11 dal campo), settimo ko delle ultime dieci. La tripla di Bazemore (19 punti e 4/7 dall’arco) condanna i Knicks alla sconfitta (96-99) e complica la strada di New York verso i playoff. Terza sconfitta consecutiva per la squadra di Hornacek, sei in doppia cifra per gli ospiti. Per i Knicks il migliore è ancora una volta Porzingis (22 punti, 8 rimbalzi 4 assist e 5 stoppate), ben supportato da Kanter (10 punti, 12 rimbalzi e 3 assist) ma non basta e i playoff si allontanano.

Articoli correlati

Commenti