Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Vis Sezze, Bruschini: «Non vedo l'ora di iniziare»
Dilettanti Lazio
0

Vis Sezze, Bruschini: «Non vedo l'ora di iniziare»

L'attaccante: «Qui, per me che sono un tipo passionale, c'é tutto il peso della storia che mi carica al massimo»

SEZZE - Ogni squadra che ambisce a raggiungere obiettivi importanti non può rinunciare alla presenza in rosa di un bomber che sappia instillare affidabilità, sicurezza e speranza nei compagni e nei tifosi. La Vis Sezze non é da meno e, da quest’anno, può contare su un ragazzone dal fisico possente e dalla contagiosa simpatia. Massimo Bruschini é un classe ’87 e, mentre racconta il suo passato, affascina e colpisce per intensità e schiettezza: «Ho iniziato dai pulcini, arrivando fino alla prima squadra con l’Anzio, giocando, quindi, due anni in Eccellenza; solo in seguito mi sono trasferito al Pomezia ma, per un problema alla schiena che mi ha perseguitato per qualche tempo, ho iniziato a praticare pugilato, dividendo il mio tempo e le mie energie tra il calcio e, appunto, il pugilato… E ricordo con orgoglio di aver ottenuto anche risultati discreti in questo campo, combattendo sempre in categorie dilettantistiche. Tempo dopo ho dovuto concludere questa avventura con il pugilato e mi sono dedicato con rinnovato impegno al calcio, giocando con il Falasche in Promozione, con il Nettuno in Eccellenza, restando abbastanza vicino casa, visto che sono un giocatore molto passionale e ammetto di provare un fortissimo senso di attaccamento per il mio paese».

ENTUSIASMO - Massimo é entusiasta di essere entrato a far parte di un gruppo con il quale sente di aver sviluppato un legame davvero intenso: «Sono contentissimo di aver ritrovato Paccarié, Dall’Armi e Tomei, con i quali ho già giocato insieme lo scorso anno, raggiungendo col Falasche una salvezza storica, perché eravamo partiti molto male, per poi chiudere la stagione in maniera eccellente. A esser sincero mi mancava molto allenarmi intensamente e giocare un certo tipo di calcio, pensato per raggiungere obiettivi importanti, e ritengo questa preparazione davvero ben svolta, spesso faticosa, ma appagante. Non vedo l’ora di iniziare, anche perché, considerato che ormai sono anni che finisco la stagione in doppia cifra, non vedo l’ora di vivere questa che sta per iniziare, supportato da una squadra davvero forte, da un gruppo unito e determinato a non mollare. Qui a Sezze, poi, per me che sono un tipo passionale, c’é tutto il peso della storia che mi carica al massimo!». É impossibile non notare la determinazione e l’agonismo di un calciatore che sa quantificare alla precisione il proprio peso all’interno della squadra. Massimo é consapevole che svolgere una preparazione di un certo tenore é fondamentale per migliorarsi e avere le forze per giocare una stagione a elevata intensità: «Con mister Catanzani ho già giocato un anno e apprezzo moltissimo i suoi metodi di allenamento e la sua filosofia, perché ha una mentalità offensiva, mai arrendevole; adoro soprattutto gli allenamenti, perché riserva molto spazio ai movimenti con il pallone, anche se ora possiamo apparire un po’ affaticati, considerata la notevole intensità, ma sono sacrifici che vanno fatti e che facciamo con consapevolezza, perché solo così ci troveremo avvantaggiati nel corso della stagione». Massimo vive ad Anzio e coltiva la passione per i cani da caccia, con i quali pratica spesso e volentieri dimostrazioni ed esibizioni per altri appassionati. E, meraviglia, sta per diventare papà.

Vedi tutte le news di Dilettanti Lazio

Per approfondire

Commenti

Potrebbero interessarti

In edicola

Prima pagina