Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Mark Lenders, l'attaccante che bucava la rete

Mark Lenders, l'attaccante che bucava la rete

Da domani in edicola la statuina dell’avversario più agguerrito di Holly Hutton e Benji Price

Sullo stesso argomento

 

lunedì 9 novembre 2015 10:07

ROMA - Se Oliver Hutton è il campione dalla faccia pulita, educato e di buona famiglia, Mark Lenders è completamente l’opposto, è il vero antidivo di Holly e Benji. Sfrontato, potente fisicamente, con le maniche sempre arrotolate quando scende in campo, Mark ha avuto un’infanzia difficile. La morte del padre lo ha costretto a lavorare fin dall’età di 9 anni, forse anche per questo appare più maturo rispetto ai suoi coetanei. Sul rettangolo di gioco è un vero leader, un trascinatore, in poche parole una forza della natura. La sua rivalità con Holly caratterizza l’intera serie fino a quando i due ragazzi non giocano fianco a fianco in Nazionale. Oliver indossa la 10, la maglia che si dà a chi ha il piede più educato, Lenders veste la 9, è quello che una volta veniva chiamato centravanti di sfondamento. Dotato di un tiro potente, un incubo per portieri e difese avversarie, il giovane Mark le porte le spaccava per davvero. In diversi episodi, i palloni calciati da lui bucavano la rete! Benji Price è la sua ossessione: Lenders, orgoglioso e testardo, prova in tutti i modi a fargli gol da fuori area, andando persino contro gli interessi della squadra, come nella prima delle tre finali che vedono la New Team scontrarsi con le squadre capitanate da Mark (Muppet prima, Toho poi).

L’INIZIATIVA - Dopo le prime due uscite con Holly e Benji, domani arriva in edicola la statuina di Mark Lenders con la maglia della Muppet (a 10,90 euro più il prezzo del quotidiano), la terza di una collezione imperdibile ed esclusiva che arriva per la prima volta in Italia. Dopo Holly, Benji e Mark, nelle prossime settimane arriveranno tutti gli altri personaggi di un cartone animato che ha segnato una e anche più generazioni. Ci sono tutti: da Tom Becker a Bruce Harper, passando per la super tifosa Patty, il portiere avversario di mille battaglie Ed Warner, il “fragile” ed elegante Julian Ross, i mitici Gemelli Derrick (la statuina riproduce l’indimenticata catapulta infernale) e ancora l’ex stella brasiliana Roberto Sedinho e l’allenatore di Lenders, Jeff Turner. Le statuine di Holly, Benji e Mark torneranno per le ultime tre uscite, con la maglia del Giappone: tre perle rare che completano una collezione davvero unica.

Holly e Benji exclusive collection, in edicola la terza uscita

IL TIRO DELLA TIGRE - E’ il colpo più conosciuto di Mark Lenders. Arriva dopo duri allenamenti in spiaggia in cui calcia il pallone a piedi nudi, infrangendo le onde del mare e abbattendo persino un falco in volo. Il tiro della tigre segue una linea retta ed è talmente potente da trascinare in porta Alan Crocker, secondo portiere della New Team, e lo stesso Holly aggrappato alla gamba dell’estremo difensore. Con questo tiro, segnerà tre gol.

L'ALLENATORE - Lenders deve buona parte della sua forza e del suo talento al suo allenatore Jeff Turner, personaggio borderline e quasi sempre con bottiglia al seguito. È una sorta di figura paterna per Mark: quando ai tempi della Toho le cose non girano per il verso giusto, il giovane attaccante va a trovare il suo vecchio coach che lo aiuterà ad affinare la tecnica del tiro della tigre. Anche la statuina di Turner è compresa nella collezione.

L'ARRIVO IN ITALIA - Dopo la vittoria del campionato del mondo giovanile, Mark viene acquistato dalla Juventus (Piemonte FC nel manga). Il medico sociale bianconero nota però un forte squilibrio nella muscolatura del ragazzo a causa dei massacranti allenamenti cui si è sottoposto in Giappone. Segue così un lavoro di potenziamento fisico e poi è girato in prestito alla Reggiana in Serie C1, con la quale festeggerà dopo un anno la promozione in B.

Per Approfondire

Commenti