Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Inchiesta Infront, Galliani intercettato: «Agnelli un signorino»

Inchiesta Infront, Galliani intercettato: «Agnelli un signorino»
© ANSA

Rivelate alcune intercettazioni dell'ex ad del Milan riguardanti l'inchiesta sui diritti tv: «L'arroganza è cosa della Juventus, Agnelli non è un genio e sputa sul calcio, un signorino»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 3 maggio 2017 19:25

MILANO - L'ex ad del Milan Adriano Galliani, secondo la Procura di Milano, avrebbe fatto parte col presidente del Genoa Enrico Preziosi e altre persone di "un'associazione a delinquere in grado di interporsi fin dal 2009 tra il mercato e le squadre di calcio, cui spettano" i profitti della "commercializzazione" dei diritti tv in Italia e all'estero, "per appropriarsi di una fetta consistente di questi". Il coinvolgimento di Galliani, allo stato non indagato, emerge dalla richiesta d'arresto per 2 ex manager di Infront, respinta dal gip.

Tutto sul calcio

LE INTERCETTAZIONI: "AGNELLI IMBECILLE" - Non hanno usato troppi giri di parole l'ex ad del Milan Adriano Galliani e l'ex manager di Infront Marco Bogarelli per descrivere il comportamento del presidente della Juventus Andrea Agnelli, che hanno bollato con epiteti poco cortesi. Infatti da una intercettazione del 13 marzo 2015, riportata nella richiesta di arresto - poi respinta dal gip - della Procura di Milano nei confronti dello stesso Bogarelli e di altre due persone, il primo riferendosi al numero uno della squadra bianconera dice: «(…)Oltre ad essere un imbecille, per altro è…cioè non è che è un genio…non lo so, poi va in Germania a sputtanare la Lega….io adesso gli scrivo, basta, non si può avere, tutti che sputano sul calcio italiano, come si va a vendere…?». E Galliani: «Eh, sì (...) io, voglio dire, io ho dichiarato... qualcuno se mi chiede mi richiamo a quello che avevo detto quando hanno fatto quell'attacco famoso... l' arroganza è cosa della Juventus che ad essa non sa sfuggire... commento che io ho fatto, voglio dire, loro bisogna darli... perché il signor Agnelli prende 100 milioni dalla Lega Calcio». Poco più avanti Bogarelli afferma: «dai un'accelerata». Dall' altra parte l'ex presidente rossonero: «solo sarà bene che risponda qualcun altro perché io, voglio dire, io la botta gliela do, io voglio star concentrato, la botta sarà nella ripartizione dei diritti televisivi, lì gli darò la botta... adesso chiamo Enrico che dice sempre che bisogna parlare con Agnelli». E ancora Galliani: «adesso faccio un po' di casino». Bogarelli: «eh, bravo». Galliani: «fai un po' di casino anche tu».

"AGNELLI UN SIGNORINO"«Allora - dice l'ex ad del Milan intercettato al telefono con Bogarelli nel marzo 2015 - stasera Preziosi (il presidente del Genoa, ndr) va alla cosa della Gazzetta e attaccherà Agnelli». Bogarelli risponde: «ah bravo...». E ancora Galliani: «Presidente della Lega dovrebbe fare una intervista in cui lo, lo coso... e via, la deve smettere questo signorino eh (…). Continua a sputare sul calcio italiano.... (…) e vive di quello». Bogarelli: «Esatto». Più avanti, sempre Galliani: «(…) Comunque adesso bisogna dargli addosso a questo signore». Poi, Bogarelli, più avanti: «Ma a parte che è impazzito, penso che sia proprio fuori di testa». E infine ancora l'ex numero uno del Milan: «Eh sì, sì, sì, sì, sì».

HAN LI A MILANELLO

GALLIANI TRANQUILLO - «Sono caduto dalle nuvole, quando ho visto la notizia ho sentito il mio avvocato, Niccolò Ghedini. Mi ha confermato che non sono indagato e mi ha detto di stare sereno e tranquillo». Così l'ex ad del Milan, Adriano Galliani, interpellato dall'ANSA, ha commentato la ricostruzione dei pm di Milano: «Le intercettazioni? Ero vicepresidente di Lega, era normale che parlassi con l'advisor», ha replicato Galliani.

"MR.BEE? VEDIAMO"«Vi è una sfera di interessi finanziari nascosti comune agli interlocutori», ovvero l'ex manager di Infront Marco Bogarelli, l'ex ad del Milan Adriano Galliani e il presidente del Genoa Enrico Preziosi, intorno alla trattativa per la tentata vendita del 49 per cento del Milan all'imprenditore thailandese Bee Taechaubol (detto 'MrBee', ndr). Lo si legge nella richiesta d'arresto, respinta dal gip, della Procura di Milano nei confronti dello stesso Bogarelli e di altre due ex manager di Infront. In una intercettazione del luglio 2015, Preziosi chiede a Bogarelli: «Ma è vero che siamo dentro anche noi con il Milan?». Bogarelli: «Non ho capito, Scusami?». La replica del presidente del Genoa: «Quello che vuole comprare il Milan, e… c'è anche Infront dentro?». E Bogarelli : «No, no… no,zero, zero (…) Non c'è». In un'altra telefonata, Bogarelli chiama Galliani e l'ex numero uno rossonero gli dice: «Senti stasera parlavo con Marina, va beh, poi ti racconterò... adesso vediamo, vediamo che cosa succede con Mr Bee, poi ragioniamo sulle cose nostre insomma... poi ne parliamo. Va bene». Bogarelli: «Va bene, a tua disposizione. Ciao».

Corsport TV

Articoli correlati

Commenti