Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Eriksson: «Perché non più donne contemporaneamente?»

Eriksson: «Perché non più donne contemporaneamente?»

L'allenatore svedese, oggi disoccupato, si racconta all'Expressen: «Sono così, mi innamoro facilmente. Gli anni più belli? Li ho passati nella grande Lazio»

 

martedì 19 settembre 2017 11:04

ROMA Sven-Göran Eriksson è tornato a casa da disoccupato. Oggi ha quasi 70 anni, vive in Svezia e non ha più i 4,5 milioni annuali che gli garantiva lo Shenzhen, club di seconda divisione cinese. L’allenatore dello storico scudetto della Lazio si è confessato all’Expressen, rivelando gioie e dolori. I ricordi più belli sono quelli legati all’Italia: «I migliori anni della mia vita probabilmente li ho passati a Roma, nella grande Lazio – ammette con un po’ di nostalgia -. Vorrei che la gente, quando sente parlare di me, pensi al calcio e a tutte le cose positive che ho fatto. Ma credo proprio che alcuni quando sentono il mio nome pensino soltanto alle donne». Ecco, appunto. Quello delle love story è un capitolo a parte che merita un approfondimento. Spesso preso di mira dai tabloid per scandali e pettegolezzi, compresa la tormentata relazione con l’avvocato Nancy Dell’Olio: «Non le sono mai stato infedele perché non eravamo sposati – prova a giustificarsi -. Io ragiono così». La nuova compagna è la modella panamense Yaniseth Alcides, che forse non sarà l’ultima: «Perché non più donne contemporaneamente? Che ci posso fare, mi innamoro così facilmente…».

FOTO - "Di padre in figlio": anche Lotito allo storico appuntamento della Lazio

UNA VITA IN PANCHINA - Le idee di Eriksson arrivano chiare anche quando risponde alla domanda sui progetti futuri: «Vorrei allenare ancora, il calcio è la mia vita. Cercherò di non stare male come quando mi hanno licenziato da ct dell’Inghilterra (2001-2006, ndr). Ho rifiutato la proposta degli egiziani dello Zamalek perché mi sono reso conto che negli ultimi 18 mesi hanno cambiato troppi allenatori. La Cina invece è il Paese dove ho guadagnato di più. O forse l’Inghilterra…». 

Articoli correlati

Commenti