Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Figc, Abete: «Lotito? Ha spaccato gli equilibri in Serie A e B»

Figc, Abete: «Lotito? Ha spaccato gli equilibri in Serie A e B»
© ANSA

L'ex presidente della Federazione ipotizza gli scenari futuri: «Gravina e Sibilia favoriti su Tommasi»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 15 gennaio 2018 09:54

ROMA - Le elezioni si avvicinano e il quadro comincia a delinearsi; uno tra Sibilia, Gravina e Tommasi sarà il prossimo presidente della Figc. Tra i primi a parlarne Giancarlo Abete che vede l'ex centrocampista leggermente sfavorito: «Sibilia e Gravina dovrebbero essere i favoriti nella corsa alla presidenza della Federcalcio per il semplice fatto che Tommasi - pur essendo una persona di grande qualità - ha difficoltà a far transitare un messaggio per cui il presidente dell'Assocalciatori ha il consenso da parte delle società. Non è un problema di qualità della persona, ma di scenari e di interpretazione di quello che è il mondo del calcio oggi».

LOTITO - L'ex presidente della Federazione delinea quali potrebbero essere gli scenari futuri in vista delle elezioni: «Per il presidente di un sindacato è difficile essere il punto di aggregazione di una realtà che vede maggioritario il sistema societario - aggiunge -. Sibilia ha dalla sua una componente maggioritaria, che è la Lega dilettanti. Gravina ha una forte trasversalità fra le varie componenti perché ha sempre lavorato in un'ottica di sistema e probabilmente riesce ad avere consensi fra le varie componenti in maniera fortemente significativa». Abete è stato categorico anche su Claudio Lotito, fino all'ultimo respiro in corsa per la poltrona della Figc, prima della definitiva rinuncia: «È una persona di grande qualità dal punto di vista imprenditoriale e sportivo, ma certamente non è un uomo che rappresenta l'unità di un sistema né in qualche modo ne rappresenta la dimensione istituzionale. Intervenuto a "Radio anch'io lo sport" su RadioRai. l'ex presidente conclude: «Il suo tentativo di candidatura ha determinato una spaccatura nella Lega di Serie A, ha spaccato la Lega di B, che aveva trovato una mediazione e di fatto ha allontanato i punti di equilibrio della A e della B».

 

Articoli correlati

Commenti