Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio

Vedi Tutte
Calcio

Xavi: «Migliorare il calcio? Serve... il talento»

Xavi: «Migliorare il calcio? Serve... il talento»

Lettera aperta scritta dall'ex centrocampista del Barcellona su come si può migliorare il calcio. Ha iniziato il corso per diventare allenatore, ma per altri sei mesi continuerà a giocare in Qatar.

Sullo stesso argomento

 Andrea Ramazzotti

venerdì 20 aprile 2018 01:00

MILANO - Una lettera aperta scritta a sua firma per parlare del calcio del futuro, ma anche del Mondiale del 2022 del quale è testimonial. La sua carriera da calciatore è quasi finita, ma Xavi continua ad amare il calcio.

di Xavi Hernandez
Venti anni dopo il mio debutto come giocatore professionista per il Barcellona, ??il calcio infonde ancora in me la stessa eccitazione, passione e gioia di quando ero sceso in campo per la prima volta. Nelle interviste mi viene spesso chiesto dove credo che si svolgerà il prossimo sviluppo del bellissimo gioco; qual è il futuro del calcio? Per me, la risposta è tanto semplice quanto emozionante: il talento.

Il calcio ha raggiunto un incredibile livello di sviluppo fisico. La maggior parte dei dati che riceviamo attraverso la televisione o la stampa sono legati alle prestazioni fisiche; un giocatore ha percorso 12 o anche 13 chilometri, è stata raggiunta una certa velocità massima. Ovviamente questo è importante. Ma credo che abbiamo raggiunto un limite di sviluppo fisico. Il giocatore non può correre di più, l'intensità non può essere più alta - equivale a quasi mezza maratona su due partite. Penso che il lato del talento, così come la conoscenza tecnica e tattica, è dove possiamo ancora migliorare. Credo che questa possa essere la prossima evoluzione del calcio. Il talento è ciò che fa la differenza in una partita di calcio. Ogni settimana seguo partite in paesi di tutto il mondo, molti giochi, probabilmente troppi se chiedi a mia moglie. In ogni paese e in ogni campionato, cerco squadre che giocano a calcio d'attacco e giocatori con talento. Per me il fattore decisivo non sono i giocatori con presenza fisica, ma quelli che danno senso e struttura al gioco.

Questa estate vedremo molti giocatori eccezionali. Non vedo l'ora di guardare e godermi la Coppa del Mondo FIFA 2018 in Russia perché una Coppa del Mondo è qualcosa di veramente incredibile. Ho avuto la fortuna di giocare in quattro tornei e l'onore di sollevare il trofeo in Sud Africa insieme ai miei compagni di squadra. Quest'anno segna la prima volta da quando ero un adolescente che potrò vivere una Coppa del Mondo come semplice tifoso. Saremo presenti anche in Russia con “Generation Amazing”, il programma di calcio per lo sviluppo degli organizzatori del Qatar 2022 che promuove l'inclusione sociale e offre opportunità di sviluppo sportivo e sociale alla prossima generazione in Qatar e in tutta la regione. Tra le altre attività, porteremo i lavoratori dal Qatar alla partita di apertura della Coppa del Mondo in Russia, mentre continuiamo con i nostri sforzi per restituire coloro che stanno contribuendo a costruire questo paese.

È anche una fase importante della stagione con il mio club in Qatar, Al Sadd: entriamo nell'ultima parte dell’annata con le due gare di coppa del Qatar - la Coppa del Qatar e l'Emir Cup - per difendere, e dopo esserci qualificati per la prossima fase della Champions League asiatica grazie a uno straordinario lavoro di squadra finora. Mentre cerchiamo di andare il più lontano possibile nella competizione continentale, ho accettato di continuare a giocare per altri sei mesi. Un anno fa abbiamo ottenuto una vittoria memorabile di fronte a uno stadio tutto esaurito nella finale della Coppa degli Emir, nello stadio internazionale di Khalifa, il primo pronto nel quale sarà giocato il Mondiale. Il Qatar è un paese che è stata un'esperienza fantastica per me e la mia famiglia. Ogni giorno c'è più cultura del calcio intorno a te, specialmente con la Coppa del Mondo qui ora a soli quattro anni di distanza. Il Paese sta crescendo in generale, ma soprattutto in termini di calcio e sport. È un piacere essere qui. Ho il tempo di concentrarmi sullo studio per diventare un allenatore, osservando le diverse metodologie di coaching presso Aspire Academy, dove stanno lavorando molto bene e in modo altamente professionale.

Questo mese sto iniziando il mio corso di allenatore a Madrid e vorrei esprimere la mia gratitudine alla Federazione calcistica spagnola (RFEF) e ai miei colleghi che si uniranno a me per questo corso intensivo. Sarà un piacere condividere l'aula con grandi ex giocatori e buoni amici, avendo condiviso tanti incontri importanti sul campo nel corso degli anni. Vorrei anche esprimere i miei ringraziamenti al mio club e ai dirigenti del calcio in Qatar per aver accettato questo accordo, che mi permetterà di continuare a giocare per Al Sadd Club mentre mi preparo per il mio futuro di coach. Alcuni dei valori che ho appreso in tanti anni a Barcellona sono di essere altruisti ed empatici, e di cercare gli altri. Quando ho visitato giovani come Hadeel e altre ragazze che volevano solo poter giocare a calcio in un campo profughi in Giordania pochi anni fa, Generation Amazing li ha aiutati a giocare il gioco che amavano in un ambiente sicuro. Sono ispirato dalla passione per il gioco a cui ho assistito in questa regione. Allenare è per un'opportunità di restituire qualcosa ai giovani giocatori, aiutandoli a valorizzare il talento che credo modellerà il futuro del nostro gioco.

Articoli correlati

Commenti