Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calcio Estero

Vedi Tutte
Calcio Estero

Kashima, non solo Var: travolto a sorpresa l'Atlético Nacional 3-0

Kashima, non solo Var: travolto a sorpresa l'Atlético Nacional 3-0
© REUTERS

I giapponesi si impongono a sorpresa sui colombiani: sul primo gol decisivo l'utilizzo del Var per decretare il rigore. In finale salvo sorprese affronteranno il Real Madrid

Sullo stesso argomento

di Gioele Pracucci

mercoledì 14 dicembre 2016 13:15

ROMA - Vincono i giapponesi del Kashima Antlers contro l'Atlético Nacional de Medellín, ma nonostante il sorprendente successo nipponico, a richiamare l'attenzione in questa semifinale di Mondiale per club è sicuramente l'arbitro ungherese Kassai, il primo ad assegnare un rigore attraverso l'utilizzo del Var (Video Assistant Referee). E' risultato infatti decisivo nell'3-0 poi maturato ad Osaka l'episodio storico che ha avuto luogo al 32' della sfida tra i giapponesi e i colombiani, con Berrio che su calcio di punizione sgambetta in area Nishi senza che Kassai se ne fosse accorto. Solo in un secondo momento, su segnalazione di un assistente, l'arbitro ungherese ha deciso di avvalersi del nuovo strumento video, verificando il fallo e assegnando il calcio di rigore al Kashima. A realizzarlo dal dischetto ci ha pensato al 33' Shoma Doi, mentre sono risultate inutili le proteste dei giocatori colombiani. L'Atlético Nacional ha poi insistentemente cercato il pareggio, centrando addirittura due traverse (entrambe con Mosquera) e scontrandosi con le parate del portiere avversario Sogahata. Più volte impegnato però anche Armani, costretto al miracolo sul colpo di testa di Ueda, pochi minuti dopo il vantaggio dei giapponesi. All'82' poi, con i colombiani sbilanciati per cercare il pareggio, arriva il 2-0 del Kashima, con Shikasami che crossa dalla sinistra e Endo che approfitta di un rimpallo sul portiere Armani per segnare di tacco. All'85' infine arriva addirittura il 3-0, segnato dal giovane Suzuki, appena entrato, su assist di Kanazaki.

Niente da fare quindi per i colombiani, eliminati all'esordio dalla competizione alla quale hanno avuto accesso in quanto vincitori dell'ultima Copa Libertadores. Come dichiarato dall'allenatore Rueda Rivera all'arrivo in Giappone, l'Atlético aveva voluto dedicare questa partecipazione al Mondiale per club alla Chapecoense, che avrebbero dovuto affrontare in finale di Copa Sudamericana. I giapponesi del Kashima Antlers, che salvo clamorose sorprese affronteranno in finale il Real Madrid (incontrerà domani il Club América nell'altra semifinale), hanno ottenuto invece il pass Mondiale in quanto campioni in carica del paese ospitante, e hanno superato gli australiani dell'Auckland City nel primo turno e i sudafricani del Memelodi Sundowns ai quarti prima di affrontare l'Atlético.

STORICO UTILIZZO DEL VAR

CRONACA E TABELLINO

Articoli correlati

Commenti