Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Liga

Vedi Tutte
Liga

Barcellona, Valverde: «Vogliamo vincere tutto. L'addio di Neymar è stato duro»

Barcellona, Valverde: «Vogliamo vincere tutto. L'addio di Neymar è stato duro»
© REUTERS

Il tecnico dei blaugrana: «Il nostro obiettivo è conquistare tutto ma al momento non abbiamo ancora vinto nulla»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 1 gennaio 2018 21:38

BARCELLONA - "Vogliamo vincere tutto ma ancora non abbiamo vinto nulla. Voglio che la squadra vada avanti con questa fiducia e questa idea". Ernesto Valverde spera di raccogliere nel 2018 i frutti della sua semina. Arrivato la scorsa estate dopo l'addio di Luis Enrique, il tecnico non ha avuto un avvio facile, col Barcellona travolto dal Real Madrid nel doppio confronto della Supercoppa Spagnola. Ma le cose si sono poi ribaltate e nell'ultima gara del 2017 i blaugrana si sono aggiudicati il Clasico, volando a +14 su Ronaldo e soci (che hanno però una gara in meno) e a +9 sull'Atletico Madrid secondo. "Ma non possiamo pensare a questo vantaggio o a speculare sui punti - mette in chiaro - Dobbiamo guardare avanti, preoccuparci solo di noi stessi, delle nostre partite, degli avversari che non ci vedono cadere, è questo che li può sfiancare". "I bilanci si fanno via via, ci aspetta un mese di gennaio intenso - prosegue Valverde - Non posso negare che la partenza di Neymar è stato un momento difficile e all'inizio adattarmi ai giocatori, alle dinamiche di gruppo è stato un po' faticoso ma a poco a poco abbiamo risolto tutto. Questo è un gruppo che va alimentato costantemente, sono calciatori vincenti, tremendamente competitivi, che sanno cosa devono fare". Per quanto riguarda il futuro a breve termine, col rientro di Dembelè Valverde non esclude il ritorno al 4-3-3: "Messi può giocare ovunque ma vogliamo metterlo nelle condizioni di canalizzare il nostro attacco. Quello che voglio è che la squadra giochi bene perché se lo fa, ha più possibilità di vincere. Bisogna poi tenere un certo equilibrio: è un po' come nel basket, quando hai la palla siamo tutti attaccanti, quando non ce l'hai, siamo tutti difensori".

E restando su Messi, "è il miglior giocatore che puoi trovare nel mondo. Rende straordinario qualsiasi pallone riceve, vedo come affronta le partite, come si impegna, la sua competitività ed è uno stimolo per tutti noi". Tra i meriti di Valverde, quello di aver ripescato Vermaelen: "ha convinto i tifosi ma con me c'era già riuscito da prima. L'ho sempre visto bene". E per il mercato, "siamo disponibili a migliorare la squadra, come tutti. Per quello che è possibile, lo faremo". (a cura di Italpress)

Articoli correlati

Commenti