Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Premier League

Vedi Tutte
Premier League

Ranieri porta il Leicester al Santuario di Santa Rita da Cascia

Ranieri porta il Leicester al Santuario di Santa Rita da Cascia

Il tecnico italiano porterà la squadra in pellegrinaggio in Umbria

Sullo stesso argomento

 

sabato 7 maggio 2016 11:51

ROMA - Ranieri ha fatto un miracolo in Inghilterra. E forse proprio per questo il tecnico italiano porterà il suo Leicester, fresco vincitore della Premier League, in pellegrinaggio al santuario di Santa Rita da Cascia, in Umbria, nei prossimi giorni. Un viaggio-premio deciso dall'allenatore, da sempre devoto a Santa Rita.

La visità avra anche lo scopo di fare un sopralluogo a Roccaporena, perché Ranieri vorrebbe portare la squadra in ritiro qui la prossima estate, come ha già fatto in passato con Cagliari, Fiorentina, Chelsea e Monaco.

IL SINDACO - A Cascia, piccolo centro della Valnerina umbra, hanno prima tifato per il loro cittadino onorario Claudio Ranieri, che qui ha portato tante volte in ritiro le sue squadre, e poi gioito per il successo del suo Leicester City nel campionato inglese. «Ora lo aspettiamo con i suoi campioni», è l'invito lanciato dal sindaco Gino Emili. Che ha già invitato anche formalmente Ranieri. «Il mister ha un legame particolare con Cascia, con Roccaporena e con Santa Rita - dice Emili parlando con l'ANSA - Ha portato qui in ritiro tante delle sue squadre: dal Cagliari alla Fiorentina, al Chelsea. Come tanti, è devoto a Santa Rita. Proprio per il legame che ha con noi, nel '96 gli è stata conferita la cittadinanza onoraria. Ora - conclude il sindaco - lo invitiamo a tornare. Ci terremmo veramente».

LUNEDI' A ROMA - Claudio Ranieri, fresco campione d'Inghilterra alla guida del Leicester City, sarà a Roma lunedì 9 maggio (ore 12 al Salone d'onore del Coni) per ritirare il Premio nazionale Enzo Bearzot, riconoscimento promosso dall'Unione sportiva Acli con il patrocinio della Figc. La cerimonia si svolgerà alla presenza dei numeri 1 della Federcalcio Carlo Tavecchio e del Coni Giovanni Malagò. Il tecnico romano si è aggiudicato il Premio per aver "confermato, in questa stagione più che in altre, le sue straordinarie doti di maestro del calcio e motivatore instancabile, dimostrando come un gruppo coeso possa arrivare a risultati importanti, nonostante l'assenza di cosiddetti top player". Nel corso della mattinata, inoltre, sarà consegnato il "Premio Bearzot - La sfida sociale dell'Us Acli", vinto quest'anno dal Comitato provinciale Us Acli Mantova con il progetto "Per e con le Donne", che ha contribuito a diffondere e potenziare i valori sportivi e culturali trasmettendo una sana passione sportiva caratterizzata dal rispetto delle regole, della lealtà, dell'inclusione e dell'integrazione sociale. Il Premio Bearzot è un riconoscimento dedicato agli allenatori di calcio italiani. Istituito nel 2011, è promosso dall'Unione sportiva delle Associazioni cristiane dei lavoratori italiani (Acli) e patrocinato dalla Federazione italiana giuoco calcio. Negli anni passati, la manifestazione ha visto premiati Cesare Prandelli (2011), Walter Mazzarri (2012), Vincenzo Montella (2013), Carlo Ancelotti (2014) e Massimiliano Allegri (2015).

TRA I TIFOSI SPUNTA UN ROMANISTA

LEICESTER CAMPIONE, IL NOSTRO SPECIALE

QUANTI COMPLIMENTI PER RANIERI

 

Articoli correlati

Commenti