Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

«Depay-Lione: è fatta». Roma su Giaccherini?

«Depay-Lione: è fatta». Roma su Giaccherini?
© EPA

Dalla Francia danno per certo il trasferimento in Ligue 1 per l'esterno del Manchester United. E a Trigoria prende quota il jolly del Napoli

Sullo stesso argomento

di Giuliano De Matteis

mercoledì 18 gennaio 2017 17:43

LIONE - Memphis Depay, nome che era sul taccuino della Roma, secondo 'L'Equipe' è a un passo dal trasferimento in Ligue 1. I dirigenti del Lione e quelli del Manchester United infatti hanno trovato un accordo sul prezzo (18,5 milioni più 6,5 di bonus con i 'Red Devils' che si tengono però il diritto di 'recompra') e a questo punto mancherebbero solo dei dettagli per chiudere l'affare (il club transalpino ha già il sì del 23enne esterno olandese, che avrà un contratto di quattro anni e mezzo).

A Trigoria cos potrebbe tornare a prendere quota l'ipotesi Giaccherini, chiuso al Napoli e molto vicino all'identikit tracciato da Luciano Spalletti («Alla società ho chiesto solo un calciatore, già pronto e possibilmente italiano»). Il jolly toscano, approdato all'ombra del Vesuvio nella scorsa estate dal Sunderland dopo sei mesi nel Bologna, potrebbe infatti rappresentare la soluzione ideale per la sua duttilità, perché con lui la rosa si arricchirebbe di un elemento in grado di giocare da esterno (più o meno offensivo) ma anche in mezzo al campo nel caso ce ne fosse la necessità. Poi per il suo grande bagaglio di esperienza (ha giocato anche con la Juventus e può vantare 29 presenze e 4 gol nella Nazionale) e per la conoscenza del campionato italiano, che garantirebbero al tecnico di Certaldo le garanzie necessarie. Visti i suoi 31anni rappresenterebbe infine una soluzione 'low-cost', che lascerebbe le mani libere ai dirigenti giallorossi qualora decidessero di fare un investimento più importante a giugno. E se Giaccherini ha detto di voler rimanere a Napoli a giocarsi le sue carte agli ordini di Sarri, è anche vero che una chiamata della Roma potrebbe fargli cambiare idea. Bisognerà però vedere quanto la società partepea sia disposta a rafforzare una concorrente diretta nella corsa allo scudetto, o quanto meno a un posto in Champions League.

Parola a Spalletti:

 

 

Articoli correlati

Commenti