Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato incandescente: Juventus su Verratti, il Pipita del centrocampo

Calciomercato incandescente: Juventus su Verratti, il Pipita del centrocampo
© EPA

Allegri avrà a disposizione una Juve ancora più forte. Il talento del Psg (valore 80 milioni) è in cima alla lista

Sullo stesso argomento

 Antonio Barillà

giovedì 19 gennaio 2017 08:57

TORINO - E’ un ciclo felice, quello di Massimiliano Allegri alla Juventus, destinato ad allungarsi con una squadra ancora più forte. In Inghilterra giurano che l’Arsenal punti su di lui per il dopo Wenger, ma il tecnico bianconero ha un contratto fino al 2018 e la società vuole tenerselo stretto: «E’ un vincente, resta con noi» ha chiarito pubblicamente l’ad Beppe Marotta, e l’allenatore, da parte sua, ha zittito i gossip. «Sto bene in questa squadra - ha detto -, sono contento di stare qua e spero di rimanere il più a lungo possibile».

JUVE SU TOLISSO: ECCO IL RILANCIO

LOGO - Detto che è abitudine di corso Galileo Ferraris fissare in primavera i confronti decisivi sul futuro, quando la stagione avrà una piega nitida, non s’allungano crepe né serpeggiano tentazioni, anzi si lavora congiuntamente per disegnare la Juventus 2017-2018, destinata, attraverso importanti investimenti, a ridurre ulteriormente il gap dai grandi club d’Europa. Il progetto prevede interventi di assoluto spessore in mediana, come ha confermato Marotta stesso promettendo l’ingaggio di un «Higuain del centrocampo». Non è un sogno perché la Juve, cresciuta con la gestione del presidente Andrea Agnelli sul piano economico e non solo sportivo, sempre più proiettata nel futuro come dimostra anche la scelta del nuovo logo, può permettersi sacrifici fino a tempo fa inimmaginabili.

ANCELOTTI CHIAMA VERRATTI

BOTTEGA - Ecco allora, dal generale al particolare, che la candidatura di Marco Verratti diventa estremamente concreta: c’è anche l’Inter, c’è soprattutto il Bayern Monaco di Carlo Ancelotti, ma i bianconeri sono pronti a muoversi con il Psg, consapevoli di andare incontro a una trattativa complicata (hanno sperimentato con Blaise Matuidi la fermezza dello sceicco Nasser Al-Khelaifi) ma incoraggiati dalle recenti parole dell’agente Donato Di Campli: «Marco sta molto bene a Parigi, ma la sua carriera non può essere costellata solo di campionati francesi. Vorremmo vincere con il Psg: se non sarà possibile troveremo una soluzione. Inter e Juventus? Sono grandissime società. Il problema è che il Psg è una società molto forte e una bottega carissima». 

Leggi il resto dell'articolo sull'edizione del Corriere dello Sport-Stadio oggi in edicola

Articoli correlati

Commenti