Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Serie A, guarda in Spagna: «Rinnovo Isco-Real a un punto morto»

Serie A, guarda in Spagna: «Rinnovo Isco-Real a un punto morto»
© EPA

Per la stampa spagnola non ci sono stati sviluppi tra la dirigenza dei Blancos e il talento classe 1992, il cui contratto a Madrid scade nel giugno 2018

Sullo stesso argomento

 

giovedì 2 febbraio 2017 14:09

MADRID (Spagna) - Il rinnovo di Isco con il Real Madrid è a un punto morto, Lo riporta, in Spagna, la testata Marca, scrivendo che finora non ci sono stati contatti produttivi tra il club di Florentino Perez e il talento andaluso classe 1992. Ancora nessuna proposta concreta, insomma, per estendere un contratto che scade il 30 giugno 2018 e che, se non rinnovato, permetterebbe al calciatore fra un anno di lasciare il Real a zero. Quello stesso Real che per assicurarselo, nell'estate 2013, sborsò circa 30 milioni di euro. A Madrid, inoltre, temono che il giocatore possa restare in Spagna e finire a qualche rivale (vedi il Barcellona). Questi motivi stanno portando i Blancos a programmare una decisione limite entro l'estate: o il rinnovo; oppure la cessione subito, possibilmente in un torneo tra Serie A (Juventus, Inter e Milan ci hanno fatto più di un pensiero) e Premier League.

ZIDANE  - Il Real Madrid, a dirla tutta, non avrebbe neanche tutta questa voglia di privarsi dell'ex centrocampista del Malaga, ma la realtà è che Zinedine Zidane lo vede come una seconda scelta, avendolo utilizzato nella prima metà di stagione appena 14 volte in Liga e una sola in Champions League. Peraltro Isco è molto stimato da Zizou, che ne apprezza impegno e serietà, e lo stesso Isco, da vero professionista, nel settembre scorso disse in un'intervista a Marca: "Se non gioco, sarà per colpa mia". I dubbi, insomma, sono più della dirigenza, che non del tecnico. Una situazione che apre le porte a possibili interessamenti dei club italiani per la prossima estate.

L'ANNUNCIO DI FRANK LAMPARD: LASCIO IL CALCIO

Articoli correlati

Commenti