Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato Juventus, a casa Bayern per Douglas Costa e Renato Sanches

Calciomercato Juventus, a casa Bayern per Douglas Costa e Renato Sanches

Dopo la finale di Champions League, missione di mercato a Monaco per i due calciatori. Ma attenti allo United

Sullo stesso argomento

di Antonio Barillà

mercoledì 24 maggio 2017 08:05

TORINO - Missione a Monaco di Baviera. La Juventus la effettuerà subito dopo la finale di Champions. Sul tavolo non soltanto Douglas Costa, 26 anni, desideroso di lasciare il Bayern per ottenere spazi maggiori rispetto a quelli concessi da Carlo Ancelotti e tra i primi candidati per arricchire la trequarti, ma anche Renato Sanches, 19 anni, centrocampista seguito già un anno fa nel Benfica e sfilato dal club tedesco, dove però ha deluso. 

PIANI - I rapporti tra i due club sono ottimi e i contatti frequenti, come testimoniano le recenti operazioni legate a Kingsley Coman e Medhi Benatia: il Bayern ha completato infatti l’acquisto del giovane attaccante francese, rilevato in prestito nell’agosto 2015, pagando 21 milioni alla Juventus, e i bianconeri, versandone 17, hanno riscattato il centrale difensivo marocchino, acquisito l’estate scorsa con identica formula. Operazioni predefinite, snelle, che hanno richiesto tuttavia ripetuti contatti sfruttati anche per mettere a fuoco la situazione del brasiliano e del portoghese. Operazioni non facili per il costo e per la concorrenza, che però la Juventus valuta attentamente, pronta ad affrontare i necessari sacrifici. Per Douglas Costa, in particolare, la società di corso Galieo Ferraris è disposta a trattare sulla base dei 30 milioni richiesti, consapevole di tesserare un’eccellente controfigura di Mario Mandzukic nel 4-2-3-1, ma nelle ultime ore, a scombinare i piani, c’è stata l’irruzione del Manchester United, dal quale è scontato attendersi un rilancio.

VALUTAZIONE - I Red Devils, a dire il vero, hanno sondato anche per Sanches, prezzato attorno ai 40 milioni: d’altronde, il Bayern l’aveva pagato 35 ma con una previsione di bonus che avrebbero potuto portare l’esborso a un massimo di 80 a seconda del raggiungimento di risultati individuali e di squadra. 

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DELLO SPORT-STADIO IN EDICOLA

Articoli correlati

Commenti