Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Juventus, Allegri: «Bonucci futuro leader dello spogliatoio»

Juventus, Allegri: «Bonucci futuro leader dello spogliatoio»
© ANSA

L'allenatore bianconero torna su Cardiff: «Alla fine del primo tempo il Real ha preso il sopravvento, poi ci è saltato addosso. Una partita che ci sarà di lezione»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 26 giugno 2017 18:14

TORINO - Massimiliano Allegri è tornato a parlare e questa volta lo ha fatto ai microfoni di Sky Sport. L'allenatore della Juventus si è confessato a "Mister Condò" tornando sulla finale di Champions League e su altri particolari molto interessanti della stagione appena passata: «Il 2-1 e il 3-1 così ravvicinati ci hanno condizionato tanto. Dopo il primo gol di Ronaldo abbiamo subito pareggiato e abbiamo continuato a spingere. E' una partita che ci servirà di lezione soprattutto nella gestione dei match. Le partite non si possono giocare tutte a cento all'ora, non potevamo pensare di fare il secondo tempo come il primo perché nel primo tempo avevamo spinto molto, e quindi bisogna avere più padronanza nel gioco e conoscere meglio i ritmi.

Se potessi tornare indietro? Alla fine del primo tempo avrei fatto due o tre cambi, ma era impossibile farli perché quando si gioca una finale ci si prospetta i supplementari e in quel momento lì avevo Pjanic con un ginocchio in disordine, avevo Mandzukic con una caviglia che si stava gonfiando e quindi li ho rimandati in campo sperando che la partita si mettesse in un certo modo e che 20 minuti riuscissimo a reggere. Già gli ultimi 5 minuti del primo tempo loro avevano preso il sopravvento. I primi 40 minuti loro erano stati fermi, avevano paura di prendere gol e nel secondo tempo, quando hanno visto che noi eravamo più in difficoltà, ci sono saltati addosso»

Juventus, Cardiff e quell'intervallo da Champions

BONUCCI FUTURO LEADER - «Nella gestione del caso Bonucci, in quelo momento particolare, era giusto fare così. Ci sono momenti in cui era giusto chiudere un occhio e dei momenti in cui gli occhi vanno tenuti entrambi aperti. In quel momento Leo aveva sbagliato, avevo sbagliato anche io, infatti mi sono autopunito, ed era giusto che Leo stesse fuori. E' stata una partita importante e decisiva e se anche avessimo perso dopo avremmo avuto la forza per vincerne altre dieci. - continua Allegri - Contro il Porto abbiamo giocato una buona partita, poi dopo due giorni Bonucci è rientrato perché è un giocatore importante, un giocatore straordinario e soprattutto deve capire che sarà il futuro leader dello spogliatoio della Juventus»

Juventus-Real Madrid 1-4, maledizione Champions

Articoli correlati

Commenti