Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

 Montella aspetta Donnarumma, nasce Milan China

 Montella aspetta Donnarumma, nasce Milan China
© ANSA

 Mirabelli: «Gigio? Spero una favola a lieto fine»

 

martedì 27 giugno 2017 18:57

ROMA - Il Milan aspetta Donnarumma con una certa fiducia che questa volta possa andare in porto il rinnovo del contratto, rifiutato un paio di settimane fa dal diciottenne portiere e dal suo agente, Mino Raiola. "Vorremmo che fosse una favola con un lieto fine, siamo tranquilli e fiduciosi", ha sorriso il ds rossonero Massimiliano Mirabelli, dopo aver seguito ieri sera in tv la conferenza stampa del giocatore che, alla vigilia della semifinale dell'Europeo Under 21, ha lasciato in sospeso il suo futuro fino al rientro dalla Polonia. Secondo alcune ricostruzioni la sommossa dei tifosi via social network nei giorni scorsi ha colpito Donnarumma, tanto da spingerlo a rivedere la sua prima decisione accantonando, almeno per ora, soluzioni alternative.

Rai, Paola Ferrari denuncia Mino Raiola

Ancora il Real Madrid non si è mosso, pare che il Paris Saint Germain voglia farsi avanti con 30 milioni di euro. Non molto più alta dovrebbe essere secondo Raiola la clausola rescissoria allegata all'eventuale rinnovo, che potrebbe coinvolgere anche l'ingaggio del fratello maggiore di Donnarumma, Antonio, come terzo o quarto portiere. L'obiettivo del Milan è risolvere la questione prima del raduno del 5 luglio (l'11 il debutto stagionale, amichevole a Lugano), quando fra l'altro Donnarumma inizierà gli esami di maturità per poi andare in vacanza. "La società aspetta - ha notato Vincenzo Montella -, il ragazzo merita tutto il tempo necessario, ma fino a un certo punto, per scegliere la soluzione migliore per lui. Ci auguriamo che possa decidere per il meglio".

Milan, tutte le date delle partite ufficiali

"Dopo l'Europeo ci sederemo e vedremo cosa c'è da fare", ha aggiunto Mirabelli, confermando l'appuntamento annunciato nei giorni scorsi via Twitter da Raiola, mai del tutto convinto del progetto della nuova proprietà cinese, nonostante un mercato iniziato con quattro colpi: Musacchio, Rodriguez, Kessie e André Silva. Il quinto potrebbe essere il turco Calhanoglu: la trattativa con il Bayer Leverkusen potrebbe chiudersi a 20 milioni di euro più bonus. Intanto Li Yonghong si appresta a superare il vaglio su onorabilità e solidità finanziaria previsto dalla Federcalcio per i nuovi proprietari di club. Dopo la lettera di gradimento delle banche e un autocertificazione penale, la Lega Serie A ha completato l'iter di raccolta di documenti con il certificato antimafia rilasciato questa mattina dalla Prefettura di Milano, e ora il dossier è stato trasmesso alla Figc. In mattinata si è anche tenuto il cda del club rossonero, che - secondo quanto filtra - ha approvato il budget per l'iscrizione al prossimo campionato e all'Europa League, e ha deliberato la costituzione di Milan China: la società succursale seguirà da vicino lo sviluppo commerciale del Milan sul mercato cinese per aumentare i ricavi. Non è ancora nota la città dove avrà sede.

Articoli correlati

Commenti