Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Arsenal, «Ancelotti prima scelta per sostituire Wenger»

Arsenal, «Ancelotti prima scelta per sostituire Wenger»
© Getty Images For AUDI

Secondo l'"Evening Standard", all'interno del club c'è chi ritiene che sia arrivato il momento di voltare pagina e il tecnico italiano sarebbe il favorito per la panchina

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 10 gennaio 2018 15:03

ROMA - Arsene Wenger ha un contratto fino al 2019 ma la sua avventura ultraventennale sulla panchina dell'Arsenal potrebbe chiudersi con 12 mesi d'anticipo. Molto ovviamente dipenderà dalla seconda parte di stagione ma, riporta l'"Evening Standard", all'interno del club c'è chi ritiene che sia arrivato il momento di voltare pagina: la mancata qualificazione alla Champions nella scorsa stagione, la vittoria della Premier che manca dal 2004 e la recente eliminazione in FA Cup per mano del Nottingham Forest, che milita nella B inglese, sono tutti fattori che non giocano a favore del tecnico francese.

GATTUSO: «ANCELOTTI E' TUTTO PER ME»

PRIMA SCELTA - E a rendere la sua posizione meno salda c'è anche la disponibilità sul mercato di un allenatore come Carlo Ancelotti, che diventerebbe la prima scelta dei Gunners in caso di addio a Wenger. Del resto l'arrivo annunciato a febbraio di Raul Sanllehi, ex Barcellona, come capo degli osservatori al posto di un fedelissimo del tecnico francese come Steve Rowley potrebbe essere un primo indizio in questo senso. Ancelotti, dal canto suo, non ha mai fatto mistero della sua voglia di lavorare di nuovo in Premier dopo l'esperienza al Chelsea e già il prossimo mese dovrebbe tornare a vivere a Londra assieme alla famiglia.

GLI ALTRI NOMI - Il tecnico di Reggiolo, per il quale si parla anche di un possibile ritorno ai Blues qualora Conte andasse via, non è però l'unico candidato per il dopo-Wenger: piace anche Mikel Arteta, attuale vice di Guardiola al Manchester City ed ex centrocampista dell'Arsenal mentre è più complicato arrivare ad Allegri, di cui l'ad Gazidis è un grande estimatore, visto che è legato alla Juve fino al 2020.

(In collaborazione con Italpress)

 

Articoli correlati

Commenti