Calciomercato

Vedi Tutte
Calciomercato

Calciomercato, Monchi: «Sogno di portare Rakitic a Roma»

Calciomercato, Monchi: «Sogno di portare Rakitic a Roma»
© Bartoletti

Il dirigente sponsorizza il centrocampista del Barcellona: «Ivan sta avendo una stagione di livello». Poi tranquillizza i tifosi su Alisson: «Nessuna offerta, vogliamo tenerlo»

Sullo stesso argomento

 

mercoledì 21 marzo 2018 17:02

ROMA - Si parte subito dalla prossima avversaria di Champions, il Barcellona. «Dobbiamo prepararla nel migliore di modi e provare a fare qualcosa di difficile, qualcosa che nessuno immagina». È il disegno di Monchi in vista dei quarti contro i blaugrana: l’andata si giocherà il 4 aprile al Camp Nou, il ritorno il 10 all’Olimpico. «Loro favoriti? L’etichetta di favorito non implica già il passaggio del turno – dice il dirigente giallorosso a Cadena Cope -. Significa che hanno maggiori possibilità. Essere tra le otto d’Europa ti permette di sognare. Ci prepareremo per realizzare questo sogno».

ALISSON RESTA - Monchi tranquillizza tutti i tifosi romanisti su Alisson: «È titolare nel Brasile, in questa stagione ha fatto dei progressi enormi. Ha soltanto 26 anni, i margini di miglioramento sono ampi. Dà sicurezza alla squadra e noi siamo felici del suo rendimento. Offerte? No, nessuna. Circolano molte voci a riguardo, ma vogliamo tenerlo con noi». Un altro gioiello da coccolare è ovviamente Ünder: «Arriva dalla Turchia e da un periodo di lungo adattamento. Pian piano si sta rivelando un giocatore importante. I suoi gol sono stati fondamentali in un momento difficile per la squadra. È giovane, deve crescere e saper gestire emozioni e pressioni. Deve maturare per assumere quel ruolo di leader che hanno De Rossi, Nainggolan, Strootman, Manolas e Kolarov».

Da Alisson a Kovacic: tutte le strategie di Monchi

SOGNO MERCATO – Chi porterebbe dal Barça a parte Messi? «Posso prenderne più di uno? – conclude ridendo -. Penso a Rakitic, che sta avendo una stagione di livello. Ce ne sono tanti che sarebbero il sogno di ogni dirigente, sceglierne solo uno sarebbe difficile».

Articoli correlati

Commenti