Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Roma, El Shaarawy: «Barcellona? Non abbiamo niente da perdere»

Roma, El Shaarawy: «Barcellona? Non abbiamo niente da perdere»
© LaPresse

Il pensiero dell’attaccante per l’andata dei quarti di Champions: «Affrontiamo Messi, di gran lunga il migliore al mondo. Non siamo i favoriti, è vero, ma nessuno ci dava grandi chance nella fase a gironi»

 

lunedì 2 aprile 2018 12:47

ROMA - «Sappiamo che sarà molto dura affrontare il Barcellona al Camp Nou ma non abbiamo niente da perdere. Dobbiamo provare a mostrare il nostro spirito e capitalizzare qualsiasi occasione ci capiterà. Dobbiamo tenere a mente che si gioca sui 180 minuti, per cui dovremo provare a ottenere un buon risultato a Barcellona ricordando che c'è ancora il ritorno in casa da giocare». Stephan El Shaarawy guarda senza timori al primo round dei quarti di Champions in programma mercoledì al Camp Nou. Il Faraone, intervistato da Uefa.com, subisce il fascino della competizione e per questo vuole provare ad andare oltre. «La Champions è il torneo più importante assieme ai Mondiali, penso che qualsiasi giocatore sogna di parteciparvi. Le serate di Champions sono speciali, ti guarda il mondo intero ed è per questo che è una sensazione meravigliosa quando vai lontano e vinci delle partite o, come ci è successo quest'anno, chiudi il girone al primo posto. Sono cose che ti restano per la vita». Tornando al Barcellona, «dovremo stare attenti ai loro passaggi, al loro possesso palla, ai movimenti di Messi, che oggi è di gran lunga il miglior giocatore del mondo. Affrontiamo il migliore e ogni volta che ha la palla, può fare succedere qualcosa. Per questo dovremo cercare di limitare la sua influenza il più possibile. Tutti dicono che non siamo i favoriti ed è vero ma nessuno ci dava grandi chance nella fase a gironi per cui dobbiamo dimenticarci di quello che dice la gente». 

in collaborazione con Italpress

Perotti e Fazio: «Alla Roma l'illusione, al Barcellona la pressione»

Articoli correlati

Commenti