Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Zidane: «Ultima di Buffon in Champions? Io penso solo a eliminare la Juve»

Zidane: «Ultima di Buffon in Champions? Io penso solo a eliminare la Juve»
© AFPS

Il tecnico: «Barca-Real in finale? Penso solo ai bianconeri, dobbiamo rimanere concentrati»

Sullo stesso argomento

dal nostro inviato Andrea Ramazzotti

martedì 10 aprile 2018 14:01

MADRID - Zinedine Zidane non si fida della Juventus e non pensa alla prossima avversaria della semifinale. Il tecnico del Real Madrid ha chiesto alla sua formazione di rimanere concentrata solo sulla sfida di domani e di giocare come a Torino.

VARANE: «UN ONORE SFIDARE BUFFON»

Zidane, pensate di aver ipotecato la qualificazione? Il risultato dell’andata condizionerà il vostro approccio al match?
Il 3-0 dell’andata non cambia niente. Questa sarà un’altra storia e un’altra partita. Quello che è successo è successo. Il 50% della qualificazione la vogliamo conquistare domani.

Le piacerebbe una finale Real-Barca?
Mi interessa la partita di domani. Dobbiamo pensare a noi, a quello che dobbiamo fare. Dobbiamo pensare a passare il turno e poi vedremo quello che succederà.

Come vede Benzema?
Gli piacerebbe segnare un po’ di più, ma si allena bene, è felice quando sta con i suoi compagni ed è concentrato.

Vallejo ci sarà. Giocherà lui in difesa o accanto a Varane ci sarà Casemiro?
Vallejo ha fatto un buon allenamento e non ha risentito di problemi fisici. Vedrete domani chi sceglierò, ma non abbiamo problemi. Tutti sono pronti per giocare.



Se vincerà la Champions, negli ultimi 10 anni il Real avrà vinto più Champions che Liga. Ha una spiegazione per questo fatto un po’ anomalo?
No, non ce l’ho. Quando iniziamo una stagione vogliamo vincere tutto, ma anche quest’anno nella Liga non abbiamo avuto una buona regolarità di rendimento: abbiamo passato un momento complicato, ma non ho una spiegazione del perché è successo. Il mio ricordo più bello in carriera è quello di vincere la Liga perché è un percorso difficile e complicato. Il Real poi è abituato a vincere la Champions e a far bene in Europa, fa parte della sua storia.

C’è stato un momento in cui la squadra ha cambiato il chip nella testa in questa stagione?
Quando abbiamo iniziato a segnare di più ed a avere più fiducia. C’è stato un mese nel quale non abbiamo più segnato e siamo andati in difficoltà. Adesso però subiamo anche poco e come squadra siamo più regolari in tutto.

Perez ha detto che Ronaldo è l’erede di Di Stefano. Lei come vede Cristiano?
Non penso a un Real senza Ronaldo: lo abbiamo noi e siamo contenti di averlo. Molte persone si ricordano di Di Stefano e in futuro molti si ricorderanno di quello che ha fatto Cristiano qui. Sono contento di averlo qui e speriamo che stia qua ancora per molti anni.

Le squadre spagnole sono troppo forti per quelle italiane?
Non penso che il calcio italiano sia debole, ma credo che le squadre spagnole siano forti e giocare nella Liga spagnola è molto allenante perché in questo campionato si può perdere anche contro l’ultima. Nella Liga non può mai distrarti.

Non crede che dopo il 3-0 dell’andata la qualificazione alle semifinali sia ipotecata?
Dobbiamo rispettare ogni avversario perché il calcio è strano e può succedere di tutto. Solo se saremo concentrati dal 1’ al 90’ avremo possibilità di passare il turno.

Le spiace che Buffon possa giocare contro voi l’ultima gara in Champions?
Non ci penso. Buffon è una grandissima persona e un grande giocatore. Noi però pensiamo a passare il turno e a eliminare la Juventus. Non so che succederà con Buffon e che decisione prenderà per il suo futuro, ma non cambia quello che ha fatto in carriera e quello che è come persona e come giocatore.

Crede che in Champions vi aspettino 4 finali visto il valore della Juventus e delle altre possibili avversarie?
Noi pensiamo alla partita di domani e a passare il turno, poi vedremo. Dobbiamo anche finire la Liga dove non siamo secondi, ma quarti. Dobbiamo cercare di arrivare il più in alto possibile. Se passeremo domani, vedremo chi sfideremo. Non possiamo pensare ad altro che a domani. Una partita alla volta. In questa stagione non abbiamo ancora vinto niente e dobbiamo impegnarci al massimo da qui alla fine.

Articoli correlati

Commenti