Champions League

Vedi Tutte
Champions League

Real-Juventus, Zidane è una furia: «È una vergogna che si parli di furto»

Real-Juventus, Zidane è una furia: «È una vergogna che si parli di furto»
© AP

Il tecnico francese: «Sono molto deluso per quello che si dice. Non mi riferisco al rigore, è una questione di interpretazione, per me lo era e l'arbitro lo ha fischiato»

Sullo stesso argomento

 

sabato 14 aprile 2018 14:04

MADRID - "È una vergogna che si parli di furto. Sono molto deluso per quello che si dice. Non mi riferisco al rigore, è una questione di interpretazione, per me lo era e l'arbitro lo ha fischiato, ma basta parlare di furto". Zinedine Zidane alza la voce. Il tecnico francese del Real Madrid, alla vigilia della gara col Malaga, torna sull'infuocato finale della sfida di mercoledì contro la Juventus e soprattutto sulle polemiche che ne sono seguite. "Ognuno può dire quello che vuole sul rigore ma quando si parla di furto, la cosa mi indigna. Quello che stiamo facendo dà fastidio a molta gente. Ma difenderò i miei ragazzi, hanno fatto una partita enorme e abbiamo senza dubbio meritato di passare il turno".

Allegri difende Buffon

TUTTI CONTRO IL REAL - Il tecnico francese è consapevole che "c'è odio verso il Real ma nessuno cambiera' le cose come nessuno cambierà la storia di questo club, il migliore al mondo. E quando sei il migliore, ci sono gelosie". "Non mi sembrano normali queste polemiche, il rigore c'era, di che parliamo? La Juve ha fatto una grande partita, era sul 3-0, ma noi abbiamo avuto le nostre occasioni e con quel gol siamo andati in semifinale, quello che c'è stato nei tre giorni a seguire è troppo. Lo sfogo di Buffon? Quello che ha detto ha detto, era a caldo ma noi abbiamo meritato di qualificarci per le semifinali".E sul fatto che gli arbitri della doppia semifinale contro il Bayern possano sentirsi sotto pressione, Zizou taglia corto: "non penso a queste cose, pensiamo ad allenarci bene e a essere positivi, non pensiamo che l'arbitro ci danneggerà. Affronteremo una squadra molto forte, siamo 50 e 50". (Ha collaborato Italpress)

Articoli correlati

Commenti