Dilettanti Lazio

Vedi Tutte
Dilettanti Lazio

Corcolle Coppola: «Adesso quattro finali»

Corcolle Coppola: «Adesso quattro finali»

Il capitano: «Eravamo partiti per fare un campionato di vertice e stiamo confermando il valore della nostra squadra»

 

venerdì 21 aprile 2017 18:44

ROMA – La sosta pasquale prima del gran finale. Il girone G di Seconda categoria è ancora assolutamente incerto e aperto ad ogni soluzione: quando mancano da giocare quattro turni guida il De Rossi con un punto di vantaggio sul Corcolle e tre sull’Atletico San Lorenzo. «Eravamo partiti per fare un campionato di vertice e stiamo confermando il valore della nostra squadra – dice il capitano del Corcolle Emanuele Coppola – Siamo ancora dietro, ma nelle prossime quattro giornate può accadere di tutto: il nostro obiettivo è fare dodici punti e poi vedere cosa succede». Il difensore centrale classe 1987 si proietta sulla prima gara post-pasquale, quella di domenica pomeriggio (calcio di inizio alle ore 16,30) sul campo di un Marino che ormai non ha più nulla da chiedere al campionato. «Ma in questa categoria, soprattutto fuori casa, c’è sempre da faticare per fare risultato pieno. La squadra sta complessivamente bene e quella ai Castelli sarà la prima di quattro finali, ma sappiamo bene che dovremo combattere. Tra l’altro raramente abbiamo ottenuto successi larghi, anzi abbiamo sempre dovuto sudare le varie vittorie conquistate forse anche a causa di un approccio alla partita che non è stato sempre quello giusto» dice Coppola.

TUTTO SUL CORCOLLE

BANDIERA - Il capitano è un’autentica bandiera del Corcolle: dopo le esperienze nel settore giovanile della Lodigiani e del Cinecittà Bettini, Coppola debuttò addirittura nel 2005 con la prima squadra del club capitolino e da allora non ha più abbandonato questi colori che tra l’altro sono quelli della borgata dove vive. «E’ chiaro che questa maglia rappresenta qualcosa di importante per me, una seconda pelle. Abbiamo fatto alcuni campionati importanti nel corso di questi anni: ricordo con piacere la vittoria del campionato di Terza categoria nella stagione 2008/09, mentre il nostro miglior piazzamento in Seconda è stato un quarto posto qualche anno fa. Quest’anno avevamo cambiato tanti elementi del gruppo, ma sapevamo di avere allestito un organico altamente competitivo: si è creato il giusto spirito di squadra e ora siamo lì a giocarci uno storico salto di categoria».

CLASSIFICA

Articoli correlati

Commenti