Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Fuori dal Campo

Vedi Tutte
Fuori dal Campo

Eccezzziunale... Diego! Abatantuono compie 60 anni

L'attore, tifosissimo del Milan, festeggia oggi il compleanno

Sullo stesso argomento

di Furio Zara

mercoledì 20 maggio 2015 18:29

MILANO - Eccezziunale, Diego. Compie oggi sessant’anni Diego Abatantuono. Tifosissimo del Milan, al cinema ha interpretato spesso il tifoso milanista (ma anche juventino e persino interista). Ha raccontato così il suo battesimo rossonero: «Quando ero piccolo, mio nonno ha perso il portafoglio in casa, io l'ho raccolto e all'interno c'erano due foto, una di Padre Pio e l'altra di Rivera, allora ho chiesto al nonno chi fosse quel signore e lui mi ha risposto: "Un uomo che fa miracoli" e l'altro? "Un popolare frate pugliese"...da quel momento ho scelto i colori rossoneri». Il film-cult è «Eccezionale veramente» (1982, regia di Carlo Vanzina). E’ qui che Abatantuono recita il suo personalissimo Vangelo. «Oggi vi leggerò qualche brano tratto dal “Vangelo secondo me”: “Era la prima dumenica dell'anno di grazie 1968. Allo stadio di San Siro il cielo, da sereno, di colpo si scurò , tutti i nuvoli hann' accuminciatt' a scuntrarse,spuntavano saette ,lambi, un burdello dentro il cielo, e di colpo spunta il crapino di Dio (un bell'uomo, sui 40 anni) , e indica con il suo indice putente lo stadio di San Siro e dice: “Gianni Rivera, ciapp' questo pallone (un Tango) e vai in giro per il mondo a insegnare il giuoco del calcio…». Il film racconta le vicende alternate di un tifoso del Milan, dell’Inter e della Juve. Donato è il ras della Fossa che si divide tra l’amore per Stefania Sandrelli e i gol (sbagliati) di Joe Jordan. La sua parola d’ordine è Viuuuulenza». Franco è tifoso dell’Inter, Tirzan, invece, camionista meridionale, della Juventus. C’è anche un remake, «Eccezionale veramente….capitolo secondo me» (2006, sempre di Vanzina). Di Abatantuono calciofilo al cinema si ricorda ovviamente la partita sulla spiaggia in «Meditteraneo» (1991, premio Oscar con Salvatores) e il barbiere milanista de «Il barbiere di Rio» (1996, Veronesi).
 

Per Approfondire

Commenti