Fuori dal Campo

Vedi Tutte
Fuori dal Campo

La escort: «Success? Di nome, ma non di fatto...»

La escort: «Success? Di nome, ma non di fatto...»
© REUTERS

L'attaccante nigeriano del Watford protagonista di una serata di baldoria conclusa male: chiama quattro donne in hotel ma è troppo ubriaco, poi pretende il rimborso e fa arrivare la polizia

 

lunedì 9 ottobre 2017 14:48

ROMA - Chiama quattro escort ma poi è troppo ubriaco per consumare e pretende la restituzione del pagamento, effettuato con un bonifico. E' la serata brava di Isaac Success, attaccante del Watford, finita su tutti i principali tabloid inglesi dopo l'intervento della polizia nell'hotel dove è avvenuto il fatto. Success, l'11 settembre scorso, ha prima acquistato le prestazioni delle quattro donne e poi ha preteso il rimborso quando le quattro sono arrivate e lui era già preda dell'alcool. Urla, litigio e polizia che alle sei e mezza di mattina al Sopwell House di Londra si è trovata di fronte questa imbarazzante situazione.

LE DICHIARAZIONI DELLE DONNE AL SUN - «Stavamo facendo tutto il possibile per eccitarlo, ma cosa ti aspetti quando bevi due bottiglie di liquore direttamente dalla bottiglia? Prima di iniziare tutto gli avevamo chiesto di pagarci e lui aveva fatto un bonifico di 2mila sterline sul conto di una di noi da dividere in quattro». «Aveva un bel corpo e tutte lo abbiamo massaggiato per un'ora e mezza intera. Continuava a vantarsi di quanto guadagnava e di quanto ci saremmo divertite con lui. Ma diciamo che il suo cognome non ha mantenuto le aspettative: ci siamo spogliate e siamo state sul letto con lui per il tempo di una partita di calcio. È stato allora che abbiamo capito che l'alcol aveva preso il sopravvento». «Quando gli abbiamo detto che dovevamo andare è scoppiato il finimondo. Le urla erano così forti da svegliare tutti gli ospiti dell'hotel. Stavamo facendo un baccano assordante e il receptionist ha chiamato la polizia. Non so come mi sono procurata un taglio sul viso e un livido sul braccio durante quel caos. Aveva chiamato pure la banca urlando di bloccare il bonifico». 

Articoli correlati

Commenti