Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Fuori dal Campo

Vedi Tutte
Fuori dal Campo

Tania Cagnotto annuncia: «Tra due mesi diventerò mamma»

Tania Cagnotto annuncia: «Tra due mesi diventerò mamma»

La tuffatrice azzurra: «Avremo una femminuccia. La Dallapè vorrebbe tornare a gareggiare con me ma non posso neanche immaginarmi di vedere a Tokyo nel 2020»

Sullo stesso argomento

 

martedì 28 novembre 2017 14:02

ROMA - "Tra due mesi divento mamma e devo dire che sto vivendo la magia di questo momento, i primi due mesi ho avuto le nausee, ma poi è andata benissimo, ho preso 7 chili in sette mesi e non ho molta fame, a parte le rinunce che devo fare non potendo mangiare speck e salame''. Così Tania Cagnotto racconta in esclusiva a Chi (in edicola da domani) gli ultimi mesi della sua prima gravidanza. La campionessa di tuffi è in vacanza con il marito sulle Dolomiti. ''Avremo una femminuccia'', spiega Tania "ma non abbiamo ancora deciso il nome. Si chiamerà o Maya o Isabel. Vedo il parto come un salto nel vuoto, ma non come quelli che faccio in piscina, perché lì sono abituata e preparata, qui ho la sensazione che ti puoi preparare finché vuoi, ma non sarà mai come te lo immagini".

Sulla proposta avanzata dalla sua ex compagna di tuffi sincronizzati Francesca Dallapè di tornare alle gare per le Olimpiadi di Tokyo 2020: ''Non mi sarei mai aspettata che Francesca mi facesse questa proposta -risponde Tania - perché era lei quella che non vedeva l'ora di staccare, anche lei voleva diventare mamma e lo ha fatto prima di me. Evidentemente la gravidanza le ha fatto bene, è piena di energia ed è felice, la vedo carica riguardo a questo obiettivo. Solo che io, in questo momento, non posso neanche immaginarmi di vedermi lì nel 2020, perché devo valutare tante cose: come sarà il parto, come sarò io nel gestire la bambina, se sarò brava come Francesca, se sarò come mi auguro una mamma sportiva. Però il ritorno è una cosa che deciderò più avanti. Di sicuro non chiudo la porta conclude - perché ho visto tanti atleti cambiare idea dopo il ritiro e non vorrei dire di no, perché se poi dovessi ripensarci...".

Articoli correlati

Commenti