Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Fuori dal Campo

Vedi Tutte
Fuori dal Campo

Wanda Nara, Brozovic furioso per le voci di flirt: «Querelo tutti»

Wanda Nara, Brozovic furioso per le voci di flirt: «Querelo tutti»
© Inter via Getty Images

Il giocatore dell'Inter amareggiato e sconvolto per gli audio falsi girati sul web nelle ultime settimane

Sullo stesso argomento

 

lunedì 12 marzo 2018 12:54

MILANO - Il giocatore dell'Inter, Marcelo Brozovic, attraverso il suo legale, Danilo Buongiorno, «contesta e smentisce in modo assoluto le notizie false diffuse nei giorni scorsi online e su alcune testate giornalistiche italiane attinenti Wanda Nara, moglie del compagno di squadra Mauro Icardi. Non c'è stato mai alcun rapporto, o altro, tra Brozovic e la signora Nara», spiega il legale che aggiunge che «Brozovic vuole fare chiarezza sui responsabili che hanno messo in dubbio la propria correttezza morale e professionale» e quindi annuncia querele. 

«Tali false notizie scaturite da anonime registrazioni audio e poi liberamente divulgate dai media e da alcuni giornali (senza la minima verifica della veridicità della fonte) sono apertamente diffamatorie e illecite e gravemente lesive dell'immagine del giocatore - scrive in una nota l'avvocato Buongiorno -. Peraltro la illegale diffusione di tale falsa notizia ha avuto una notevole propagazione a livello internazionale ed in particolare in tutta Europa e nel suo stato di origine (la Croazia) con grave disagio e sconcerto dello stesso, della propria moglie e di tutti i propri famigliari».

«Il signor Brozovic quindi, vuole fare chiarezza sui responsabili che hanno messo in dubbio la propria correttezza morale e professionale - conclude l'avvocato milanese - Questo ultimo, anche a tutela della propria reputazione, sta agendo sia in sede civile che in sede penale con mirati atti di denunce-querele nei confronti dei creatori della falsa notizia e degli organi di stampa apertamente colpevoli del reato di diffamazione ex art.596 bis codice penale».

Articoli correlati

Commenti