Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Italia

Vedi Tutte
Italia

Totoct, Saputo: «Donadoni? Ha un contratto, resta al Bologna»

Totoct, Saputo: «Donadoni? Ha un contratto, resta al Bologna»
© LaPresse

Si allontana l'ipotesi Nazionale. Il presidente rossoblù: «Ho parlato con lui, sa di essere parte del progetto. Vuole stare qui»

Sullo stesso argomento

 

lunedì 21 marzo 2016 21:20

BOLOGNA - «Ho letto e sentito le ultime dichiarazioni su Donadoni. Ma Roberto ha un contratto col Bologna fino al 2018, il problema non esiste». Il numero uno della società rossoblù, Joey Saputo, allontana l'ipotesi del passaggio del proprio allenatore sulla panchina italiana. «Ho parlato con lui e l'ho trovato sereno e determinato.

Sa di essere parte del progetto che stiamo sviluppando - si legge sul sito ufficiale del Bologna - e mi ha ribadito la sua volontà di fare questo percorso insieme. Io non credo che la Federazione possa aver contattato un allenatore che ha un contratto in essere con un club affiliato alla Federazione stessa. Se fosse accaduta una cosa del genere, sarebbe stata una grave anomalia».

FENUCCI PUNTO DI RIFERIMENTO - Il presidente ha anche detto la sua sull'assetto societario: «Fin dal primo momento ho cercato di dare a questo club una struttura precisa e una filosofia di lavoro comune. La struttura prevede un amministratore delegato, Claudio Fenucci, come responsabile operativo del club. Tutti i manager a capo delle varie aree fanno riferimento a lui e di conseguenza alla proprietà. E’ stato così fin dall’inizio e quindi non vedo quali poteri o quali posizioni ci si dovrebbero contendere.

Inoltre, nella mia idea di club esistono linee guida precise e valori condivisi, perché tutti i settori e le persone lavorino di comune accordo. Ho sempre pensato che la chiave del successo di una società sia il lavoro di squadra, a maggior ragione nel momento in cui stiamo sviluppando importanti sinergie operative con gli Impact Montreal, per rafforzare sempre più entrambi i club. Vorrei che fosse chiaro a tutti che stiamo cercando di portare avanti un nuovo modello di impresa, non solo a parole ma nei fatti. Detto questo, in una fase così importante della stagione vorrei che tutte le attenzioni, anche a livello mediatico, fossero riservate alla squadra e a quanto di buono fatto finora».

TOTOCT, CAPELLO E MANCINI: «NON ALLENEREMO L'ITALIA»

ITALIA, ANCHE BARZAGLI VA A CASA: AL SUO POSTO RUGANI

Articoli correlati

Commenti