Corriere dello Sport

Scopri l’edizione digitale su Tablet e Smartphone

Italia

Vedi Tutte
Italia

Pellegrini: «Ci siamo stancati di veder vincere gli altri»

Pellegrini: «Ci siamo stancati di veder vincere gli altri»
© Getty Images

Il centrocampista dell'Italia e della Roma: «Vogliamo rialzarci, non c'è tanto da pensare»

Sullo stesso argomento

 

domenica 25 marzo 2018 14:16

ROMA - "Tutti noi vogliamo rialzarci, senza pensare ai blocchi mentali o altro, non c'è tanto da pensare".

La ripartenza dopo il flop Mondiali è stata dura, con la sconfitta nell'amichevole contro l'Argentina, ma Lorenzo Pellegrini, dal ritiro azzurro di Manchester, si fa portavoce dello stato d'animo della nazionale di Di Biagio. "Abbiamo dei giocatori veramente forti e dobbiamo lavorare - ha detto il centrocampista della Roma e della nazionale - abbiamo purtroppo più tempo rispetto agli altri per lavorare e dobbiamo sfruttarlo al meglio questo tempo, concentrandoci su quello che deve essere la Nazionale. Ci siamo stancati di vedere sempre gli altri vincere. Sono convinto che la nostra sia una squadra forte e piena di valori".

BUFFON SALUTA L'ITALIA

LA SCONFITTA CON L'ARGENTINA - «C’è un po’ di delusione ed amarezza tutte le squadre che affrontiamo hanno l’obiettivo di far girare la palla, noi dobbiamo migliorare tanto sotto questo aspetto con le qualità tecniche che abbiamo. Possiamo divertirci e crescere, cercando di rubare agli altri quello che noi ancora non abbiamo. Giocatori come Bustos, Lo Celso, Lanzini non hanno molto più di noi, se non l’esperienza internazionale».

DI BIAGIO - «E’ stato molto diretto con noi, non gli interessa se viene chiamato ct o altro. E’ molto ambizioso, ha voglia di dimostrare e crescere, incarna l’italianità che ha voglia di fare un ulteriore step non solo a livello calcistico. Tante cose non dipendono da noi o da lui, noi dobbiamo fare quello che ci chiede il mister per cercare di crescere insieme. Perchè alla fine questo è importante: conoscersi e formare un gruppo per tornare fra qualche anno dove l’Italia merita di essere».

Articoli correlati

Commenti