MONDIALI 2018

Mondiali 2018

Vedi Tutte
Mondiali 2018

Mondiali 2018, Matuidi e Ronaldo trascinano Francia e Portogallo

Mondiali 2018, Matuidi e Ronaldo trascinano Francia e Portogallo
© EPA

L'Olanda piega nel finale la Bielorussia ma per qualificarsi dovrà battere la Svezia con 7 gol di scarto

 

sabato 7 ottobre 2017 22:35

ROMA - Deschamps ringrazia una fiammata iniziale di Matuidi e autografa il blitz sul campo della Bulgaria. Vittoria a fatica anche per il Portogallo che si fa irretire da Andorra ma poi si aggrappa a Ronaldo che entra nella ripresa e decide il match. 

Bulgaria-Francia 0-1, cronaca, tabellino e statistiche

La Francia deve dimenticare lo 0-0 con il Lussemburgo e decide di scacciare via subito i fantasmi con una partenza fulminante: dopo 150 secondi, Lacazette apre sulla sinistra per Digne che mette in mezzo dove Griezmann fa la sponda per agevolare il sinistro vincente di Matuidi. La Francia al 34' perde Kanté per infortunio (salta la Roma?), al suo posto dentro Rabiot. Poco dopo la Bulgaria sfiora il gol al primo vero tentativo: il protagonista nel bene e nel male è Lloris che prima è approssimativo sul tiro di Nedelev ma poi si fa perdonare sul colpo di testa di Kostadinov. L'azione tramonta con il tiro alto di Slavchev, vicino al bersaglio. Nella ripresa la Francia non brilla ma riesce comunque a controllare il match. Per guadagnarsi un invito per la Russia agli uomini di Deschamps basterà un successo contro la Bielorussia nella sfida di martedì a Parigi. 

Bielorussia-Olanda 1-3, cronaca, tabellino e statistiche 

A Borisov l'Olanda rimanda l'addio al Mondiale trovando il successo nel finale al termine di un match giocato male. Propper sblocca il match per gli arancioni al 24' cesellando una bella azione corale: Babel proietta un bel pallone da sinistra, Robben lo addomestica per metterlo al servizio del centrocampista del Brighton che non può sbagliare. L'Olanda non riesce a sfruttare le occasioni per il raddoppio e incassa l'1-1 con Volodjko che indovina la traiettoria vincente calciando da posizione defilata con il sinistro. A 7 dalla fine l'Olanda beneficia di un calcio di rigore per fallo su Dost: Robben trasforma e evita la figuraccia alla squadra di Advocaat che poi trova anche il 3-1 con Depay. Ora gli arancioni per qualificarsi dovrebbero superare la Svezia con 7 gol di scarto nello scontro diretto.

Svizzera-Ungheria 5-2, cronaca, tabellino e statistiche 

Tutto facile per la Svizzera a cui basta un primo tempo di grande intensità per spazzare via l'Ungheria. La squadra di Petkovic si porta in vantaggio al 18' grazie al clamoroso harakiri del portiere ungherese Gulacsi che scivola al momento del disimpegno e regala la rete a Xhaka. Passano pochi secondi e la Svizzera archivia già la pratica con il destro di Frei che tira di prima intenzione sull'assist di Zuber e trova l'angolo giusto con la complicità di una deviazione. E' lo stesso Zuber a calare il tris prima dell'intervallo capitalizzando il passaggio di Shaqiri. Zuber trova il poker a inizio ripresa ma è un altro gentile omaggio di Gulacsi che sbaglia l'intervento e concede la doppietta all'avversario. Inutili le reti della bandiera di Guzmics e di Ugrai per gli ospiti mentre la Svizzera sale a quota 5 grazie al gol dello juventino Lichtsteiner.

Andorra-Portogallo 0-2, cronaca, tabellino e statistiche

Dopo 13 anni Ronaldo, anche a causa della diffida, si accomoda in panchina in una gara con la nazionale e nel primo tempo i campioni d'Europa non riescono a fare breccia nel muro di Andorra. A inizio ripresa entra CR7 e dopo 18' si mette in proprio per sbriciolare la paura che si era accumulata: il Pallone d'Oro la sblocca con una zampata con la punta del piede sinistro. Nel finale è il milanista Andrè Silva a mettere la cera lacca sul risultato sugli sviluppi di un'azione partita dal solito Ronaldo. I lusitani si giocheranno tutto nello scontro diretto contro la Svizzera.

Cipro-Grecia 1-2, cronaca, tabellino e statistiche

Succede tutto nel primo tempo da Cipro e Grecia. Sotiriou porta avanti in padroni di casa: la difesa greca sbaglia a fare il fuorigioco e l'attaccante del Copenaghenin due tempi riesci a infilare in porta. La replica non si fa attendere: Mitroglu autografa il pareggio sugli sviluppi di un'azione nata da una palla persa banale. La Grecia prende fiducia e ribalta completamente il canovaccio della contesa con il colpo di testa di Tziolis. Nella ripresa Mitroglu fallisce il bis ma gli ellenici conquistano comunque i tre punti che li portano al secondo posto alle spalle del Belgio. 

Articoli correlati

Commenti