Italia

Vedi Tutte
Italia

Italia, l'allarme di Chiellini: «Il guardiolismo ha rovinato una generazione di difensori»

Italia, l'allarme di Chiellini: «Il guardiolismo ha rovinato una generazione di difensori»
© LaPresse

L'azzurro pronto a giocarsi tutto con la Svezia: «Non andare al Mondiale sarebbe un'onta ma sarà molto combattuta»

dal nostro inviato Andrea Santoni

giovedì 9 novembre 2017 09:22

FIRENZE -  Giorgio Chiellini, occhio alla... macchia, per dirla con De Rossi.

«Credo sia normale, parlare di onta in caso di mancata qualificazione. Per fortuna sono 60 anni che l’Italia va al mondiale, e noi tutti vogliamo giocarcelo, sia chi ne ha fatti tanti, come Buffon (per lui sarebbe... l’esimo), sia per chi deve fare il primo».

Passando per uno spareggio, però...

«Sapevamo, con la Spagna nel girone, che questo sarebbe stato il nostro percorso». Il gioco si fa duro, dunque gioca la...BBC come ai tempi di Conte. «Sì, ritroviamo Leo, ed è sempre un piacere. Responsabilità? Non sento ancora la tensione. Prevedo una partita difficile, decisa dagli episodi, palle sporche, combattuta; siamo pronti, dipenderà da noi».

Soprattutto da voi tre dietro, nonostante qualche difficoltà.

«Eh, si invecchia... ma si gioca e si difende “di squadra”. All’Europeo noi davamo il titolo ma c’era appunto una squadra a coprire, con gli attaccanti a farsi il mazzo, non era solo la BBC. L’equilibrio è fondamentale. Anche il più grande difensore da solo non basta».

Sembra un discorso preciso per voi, la Juve, Bonucci, il Milan...

«Uno sport come il calcio vive di alchimie. Non sempre un giocatore funziona nello stesso modo da una squadra all’altra. Un elemento da 8 se cambia gruppo può valere 6 e uno da 7 può migliorare il reparto. La velocità del gioco di oggi fa sì che fai fatica a parlarti con i compagni e la conoscenza reciproca è un valore aggiunto inestimabile. Per giocare ad alto livello hai bisogno di un’intesa perfetta, che hai quando ci si capisce con uno sguardo».

Infatti si dice ora che il segreto di Bonucci era Chiellini...

«E il mio era Bonucci... Diciamo che qui in Nazionale possiamo sfruttare il segreto reciproco almeno fino in Russia».

Svezia permettendo: percentuali?

«50-50». 

Dice così perché dopo la Spagna si è perso qualcosa...

«Forse un po’ di entusiasmo, che serve per spingere sull’acceleratore. A Madrid pensavamo di poter fare un passo avanti. Invece abbiamo perso ma quel che è successo dopo, a Reggio Emilia, con Israele, l’ho trovato ingiustificato. Io ero a casa infortunato. Passare dalla festa di Udine, a giugno, a quei fischi per me non è stata una cosa giusta. Ma adesso abbiamo ritrovato la spinta che serve».

[...]

«Non è vero che non ci sono nuovi centrali: Rugani, Caldara, Romagnoli sono tre ragazzi del ‘94 (il milanista del gennaio ‘95, ndi), devono crescere in esperienza internazionale, come ho fatto io; anzi, alla loro età anzi ne avevo anche meno. Ma faranno bene. La verità è un’altra: è che il guardiolismo ha rovinato una generazione di difensori. Ora tutti si allargano, impostano, ormai sui cross non c’è difensore italiano che “senta” più l’avversario; così si sta perdendo la storia. Noi non avremo mai il tiki taka della Spagna. Io fui criticato lo scorso anno quando spiegai che la Juve non avrebbe mai vinto 6-0 come il Real (e adesso vedo che anche loro stanno cambiando in questo senso). Per tornare ai vertici del calcio mondiale all’Italia serviranno i bomber, come quelli che avevamo venti anni fa, ma anche il ritorno di qualche difensore “vero” in più sarebbe gradito».

Leggi l'articolo completo sull'edizione odierna del Corriere dello Sport-Stadio

 

Articoli correlati

Commenti